aziendaLAVORO

Le domande da fare a un colloquio per trovare il candidato giusto per la tua azienda

Il colloquio con i candidati è una delle fasi più importanti del processo di selezione del personale. È fondamentale, in questo passaggio, individuare le giuste domande da fare ai candidati per poter individuare la risorsa più adatta per il profilo che si sta ricercando.

Un buon recruiter dovrebbe pensare a una serie di domande che vadano a indagare non solo le competenze tecniche del candidato, ma anche le soft skills che lo contraddistinguono e le motivazioni che lo hanno portato a candidarsi.

Ecco tutte le domande da fare ai candidati per un colloquio di selezione di successo:

Domande classiche sul ruolo

Si tratta delle domande più comuni da fare durante i colloqui di lavoro. Probabilmente i candidati si prepareranno alcune risposte in anticipo per rispondere a queste domande, ma in ogni caso rappresentano uno strumento efficace per valutarli.

  • Quali sono le motivazioni che l’hanno portata a candidarsi per questo ruolo?

Questa domanda è utile per scoprire quanto il candidato sia preparato sul ruolo e sull’azienda per cui si candida.  Può essere utile anche per cercare di capire l’approccio del candidato al settore in cui già opera o vorrebbe iniziare ad operare.

  • Perché ha scelto di proporsi alla nostra azienda?

Tra le domande da fare ai candidati, questa può essere utile per indagare la reale motivazione che ha spinto la persona a presentarsi al colloquio, ovvero cosa l’ha portata a scegliere la tua azienda anziché un’altra.

  • Cosa sa della nostra azienda?

Anche in questo caso, la domanda è molto utile per scoprire il grado di interesse del candidato verso la tua azienda. Se risponde argomentando le proprie motivazioni e magari fa anche qualche domanda per saperne di più è sicuramente un buon segno, mentre se si dimostra impreparato e passivo, è molto probabile che sia piuttosto demotivato.

Domande classiche di carattere personale

Ecco altre domande piuttosto ricorrenti nei colloqui di lavoro, questa volta orientate più a sondare le caratteristiche peculiari del candidato e il suo profilo professionale.

  • Ci può parlare di sé, descrivendosi sia caratterialmente che professionalmente?

Fare questa domanda ti permetterà di avere una panoramica dettagliata del candidato: competenze professionali, esperienze lavorative, interessi, hobby, aspirazioni. Potenzialmente potresti collaborare ogni giorno con questa persona, quindi è molto utile approfondire il più possibile questi aspetti.

  • Quali competenze ha acquisito nelle esperienze precedenti e che ruolo vorrebbe ricoprire?

Questa domanda, oltre a permetterti di individuare le esigenze del candidato, ti aiuterà a capire se possiede le competenze necessarie per ricoprire la posizione.

  • Quali sono i suoi punti di forza? E i suoi punti deboli?

Tra le classiche domande da fare ai candidati questa è sempre molto utile, ti aiuterà a capire come si valuta il candidato, sia in relazione al lavoro, sia alla vita personale. Potrebbe permetterti anche di scoprire il possibile valore aggiunto che il candidato potrebbe portare al ruolo che gli proponi. Per quanto riguarda i punti deboli, puoi eventualmente scegliere di chiedere anche che cosa fa per superarli.

  • A livello professionale, quali sono i suoi obiettivi e le sue aspirazioni?

Con questo quesito potrai sondare il livello di ambizione dell’interessato e capire se possa essere compatibile con la tua ricerca. Ad esempio, se il candidato aspira a un ruolo manageriale e si candida per lavorare in un’azienda di piccole dimensioni, è probabile che si tratti di una soluzione temporanea, di transizione verso realtà più grandi con più margine di crescita.

  • Qual è la decisione più importante che ha preso nella sua vita?

Questa domanda rappresenta un trabocchetto, con cui potrai valutare il senso di responsabilità del candidato. In base al tipo di risposta, potrai capire fino a che punto si può spingere e quale livello di responsabilità può sostenere.

Domande “esplorative”

Oltre ai quesiti più tecnici correlati al ruolo e alle caratteristiche del candidato, sarebbe meglio cercare dettagli sull’esperienza che il lavoratore ha maturato in precedenza e sulla sua compatibilità con il team di destinazione. Ecco quali domande fare al candidato per scoprire tutto ciò:

  • Quali sono i valori che cerca in un’azienda?

Attraverso questa domanda potrai capire se il tipo di gestione aziendale che proponi corrisponde con ciò che il candidato cerca o si aspetta. La conciliabilità valoriale è fondamentale per garantire una collaborazione positiva e per una buona integrazione del dipendente.

  • Con quali tipi di persone vorrebbe lavorare?

Tra le domande da fare ai candidati anche questa può essere utile per scoprire se il candidato è adatto per la tua azienda, in particolare per far parte del tuo team.

  • Qual è stato il successo professionale più importante che ha ottenuto nel corso della sua carriera?

Questa domanda è molto utile, sia per sapere se il candidato va fiero del proprio lavoro, sia per verificare la capacità di raggiungere obiettivi concreti, che possano portarlo a una crescita personale e professionale.

  • Qual è stata la sfida più impegnativa che ha affrontato nel corso della sua carriera?

Pensando alle domande da fare ai candidati, non si può dimenticare di chiedere la citazione di aneddoti legati alle esperienze passate e alle difficoltà superate. La domanda, posta in questo modo, può anche essere un trucco per scoprire quale significato il candidato attribuisce al termine “sfida”.

  • C’è stata qualche occasione in cui si è trovato in difficoltà e ha dovuto chiedere aiuto a qualcuno?

Una domanda per valutare soft skills come la capacità di ammettere i propri errori e apprendere, nonché la sicurezza in se stessi. Nel caso in cui il candidato dicesse di non aver mai avuto bisogno di supporto, dovrebbe scattarti un campanello di allarme, in quanto una persona che non ammette gli errori potrebbe compromettere l’equilibrio del tuo team.

  • Quali competenze spera di sviluppare nei prossimi anni? Quali sono i suoi obiettivi professionali?

Questo interrogativo ti consentirà di capire se la persona possiede un’inclinazione alla progettualità e capacità organizzative.

  • Quale competenza ritiene che possa rappresentare un suo punto di forza e cosa potrebbe distinguerla dagli altri candidati?

Questa domanda ti aiuterà a capire il grado di determinazione del candidato e a coglierne le doti persuasive: se è in grado di promuovere se stesso, probabilmente saprà promuovere anche i tuoi prodotti o servizi.

  • Ha domande sulla nostra azienda o sul ruolo che dovrebbe ricoprire?

È sempre bene includere, tra le domande da fare ai candidati, un quesito finale per verificare se la persona che si incontra ha valutato la posizione proposta e se ha ascoltato attentamente durante il colloquio.

 


CERCHI CANDIDATI PER LA TUA AZIENDA?

Affidaci le tue selezioni, troveremo la persona che cerchi.

PER SAPERNE DI PIÙ


Post precedente

Intervista a Ester Sarto – Consulenza aziende per l’attivazione di stage

Post successivo

Visual Merchandiser: la promozione dell'immagine di un punto vendita

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *