aziendaLAVORO

Selezione del personale: gli strumenti e le tecniche degli esperti HR

Indice:

Tecniche di selezione del personale

Per quanto il fine sia sempre la selezione di candidati, le tecniche di recruiting non sono tutte uguali, ce ne sono di più “classiche” e di più creative.

Alla base della scelta della tecnica di recruiting più adatta si devono prendere in considerazione alcuni fattori, come ad esempio le tipologie di azienda e di profilo ricercato, ma anche le risorse di tempo ed economiche che si hanno a disposizione.

Tra le tecniche più convenzionali, oltre alla ricerca tradizionale mediante pubblicazione delle offerte di lavoro e le consuete operazioni di recruiting, si può optare anche per un’attività di ricerca diretta (head hunting), destinata alla selezione di profili specializzati o poco reperibili. L’head hunting consente di individuare non solo i candidati in cerca di lavoro, ma anche quelli già occupati, magari presso un competitor, che potrebbero essere interessati a valutare nuove proposte.

Negli ultimi anni, complice l’aumento dei disoccupati e data la necessità da parte delle aziende di poter intavolare processi di recruiting più mirati ed efficaci, sono emerse alcune tecniche di selezione del personale molto creative e tutt’altro che convenzionali.

Ecco alcuni esempi:

  • Gamification

È una tecnica che consiste nel coinvolgere i candidati in un gioco, finalizzato all’individuazione di risorse motivate.

  • Contest

Nell’ambito di questa tecnica di selezione del personale, i candidati sono invitati a partecipare a una competizione e a realizzare un progetto per distinguersi dai concorrenti.

  • Enigmi

Per testare le reali capacità dei candidati, si può scegliere di metterli alla prova proponendo un enigma da risolvere. Questa soluzione si presta bene ed è stata utilizzata soprattutto per impieghi in ambito informatico.

  • Recruiting “nascosto”

Si tratta di una tecnica di selezione del personale in incognito, in cui i recruiter selezionano i candidati direttamente “sul campo” tramite degli escamotages.

Fasi della selezione del personale

Il processo di selezione del personale è generalmente strutturato in 3 fasi:

    • FASE 1 – Job analysis

La prima fase comprende attività di analisi e di definizione della posizione vacante e del profilo ricercato. Tra gli strumenti utili per affrontare questa prima fase e raccogliere il maggior numero di informazioni possibili:

– osservazione diretta del lavoro

– intervista ai lavoratori sulle mansioni svolte

– questionario o intervista scritta

rilevazione aspetti critici relativi alla mansione

    • FASE 2 – Recruiting

Dopo aver definito il profilo ideale, si passa alla fase di reclutamento dei candidati, mediante le seguenti modalità:

– raccolta dei curricula attraverso annunci online o altri metodi

– screening dei candidati (analisi e filtro dei cv sulla base dei requisiti previsti dal profilo)

– convocazione per un colloquio conoscitivo in azienda

    • FASE 3 – Selezione del candidato

In questa fase della selezione del personale avviene l’incontro diretto tra candidati e recruiter, finalizzato a una valutazione più puntuale da parte del selezionatore.

Esistono diverse tipologie di colloqui di lavoro:

– colloquio individuale:

è una delle tecniche di recruiting più efficaci, poiché consente al recruiter di esaminare il candidato sia attraverso i suoi ragionamenti, sia dal punto di vista del linguaggio non verbale

– colloquio situazionale:

tipologia di intervista in cui si chiede al candidato di descrivere come si comporterebbe in determinate circostanze e svolgendo una certa mansione, per poter valutare un’ipotetica collocazione lavorativa.

– test pratici:

prove pratiche relative alle mansioni che il candidato dovrà svolgere o alle sue conoscenze di base, si rivelano molto importanti per capire cosa ci si potrebbe aspettare dal candidato

– colloqui di gruppo:

è una tecnica interessante, che permette ai recruiter di capire come i candidati si interfacciano con gli altri e gestiscono le relazioni interpersonali

– test psicometrici:

consiste nella somministrazione di test ai candidati, per analizzare dal punto di vista psicologico la loro personalità e il loro comportamento.

Strumenti online per la selezione del personale

Con la crescente diffusione dei social network, anche il mondo delle risorse umane ha subito una rivoluzione: si è verificato uno slittamento da una dinamica passiva (ricezione di profili conseguente alla pubblicazione di offerte) a una dinamica pro-attiva, in cui domanda e offerta si impegnano per migliorare il proprio personal branding e raffinare la propria ricerca.

Dunque la selezione del personale si fa sempre più spesso online e sui social, con diversi vantaggi.

Innanzitutto la possibilità di esaminare i profili online prima di un colloquio consente al recruiter di ottenere informazioni sul candidato, indagandone anche l’aspetto psico-attitudinale.

Incide molto anche il progressivo aumento della ricerca di profili iper-specializzati, che ha permesso ai social di affermarsi come efficace strumento – a basso costo – per la ricerca e selezione del personale.

I social media più utilizzati sono Facebook, Twitter ma soprattutto Linkedin, che con un numero sempre più elevato di iscritti e un taglio dichiaratamente professionale, permette di trovare una grande varietà di profili per ogni esigenza aziendale.

Oltre ai social network veri e propri, esistono altri strumenti per dare visibilità all’azienda e praticare il social recruiting:

  • Blog aziendali

Il blog è uno strumento molto efficace per portare visibilità e credibilità all’azienda, affermandone il ruolo di esperti di un determinato settore.

  • Tool per il video recruiting

La crescente necessità di diminuire le distanze tra recruiter e candidati ha condotto allo sviluppo di strumenti, ad esempio con Skype o Hirevue, per effettuare colloqui virtuali e sessioni di assessment attraverso videochiamate.

  • Job Post e SEO

Per promuovere le offerte di lavoro aziendali è molto utile ricorrere ai portali per la pubblicazione di annunci di lavoro, curando le modalità di scrittura dei testi, nel rispetto delle norme della SEO per il posizionamento sul web.

Perché scegliere di rivolgersi a una società di ricerca e selezione del personale

Ecco innanzitutto perché affidarsi a un team HR specializzato in recruiting:

  • Risparmio di tempo

Rivolgersi a una società di ricerca e selezione del personale permetterà innanzitutto di risparmiare molto tempo e di concentrarsi sull’esame dei cv che corrispondono al profilo ricercato, organizzando colloqui destinati a una rosa ristretta di candidati.

  • Scrivere annunci efficaci

Chi si occupa di recruiting potrà offrire suggerimenti per scrivere i testi degli annunci di lavoro, in modo tale che siano più efficaci e corrispondenti al profilo ricercato. Inoltre, fornirà consigli sui mezzi da utilizzare per diffondere le offerte in relazione al target di riferimento, ammortizzando sensibilmente i costi della selezione.

  • Consigli specializzati

Le società specializzate nei processi di ricerca e selezione del personale conoscono a fondo il mercato di riferimento e quindi possono comprendere le esigenze del cliente per supportarlo al meglio, fornendo preziosi aggiornamenti sui trend del momento e semplificando la ricerca, rendendola più semplice ed efficace.

  • Trovare profili iper specializzati

Nel caso in cui si presentino difficoltà nella ricerca di risorse specializzate o di profili tecnici, un team di esperti potrà essere d’aiuto, grazie all’utilizzo di specifiche tecniche avanzate di selezione del personale, ad esempio la caccia diretta.


CERCHI CANDIDATI PER LA TUA AZIENDA?

 Affidaci le tue selezioni, troveremo la persona che cerchi.

PER SAPERNE DI PIÙ


Post precedente

Sostenibilità anche in ufficio: con lo swap promuoviamo il riuso intelligente al lavoro

Post successivo

Assunzioni agevolate: tutti i bonus per le aziende che assumono

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *