aziendagaranzia giovani

Bonus giovani 2018: le novità sugli incentivi assunzione giovani

Anche per il 2018, la Legge di Bilancio approvata dal Governo prevede varie agevolazioni per le aziende che vogliono assumere giovani. Ecco una panoramica dei principali incentivi, oltre al Bonus Giovani 2018, per orientarsi meglio nella scelta.

Garanzia Giovani

Il Bonus, previsto per le assunzioni dei giovani under 30 che non studiano e non lavorano, è confermato anche per l’anno 2018.

L’incentivo permette di assumere con sgravi fiscali fino al 100% per i contratti a tempo indeterminato e di apprendistato.

Bonus Giovani 2018

A Garanzia Giovani si aggiunge, per gli incentivi giovani 2018 (e già approvata anche per il 2019 e il 2020), un’ulteriore forma di decontribuzione per promuovere l’occupazione giovanile: il Bonus Giovani 2018.

Il Bonus Giovani 2018 è rivolto alle aziende che assumono giovani under 35 (dal 2019 il limite di età potrebbe scendere a 30 anni) che non hanno mai avuto rapporti d’impiego stabili.

Prevede uno sgravio del 50% per una durata massima di 36 mesi – entro un tetto annuo di 3.000 euro –  esclusivamente per le assunzioni con contratto a tempo indeterminato.

L’incentivo è valido anche per i contratti a tempo indeterminato avviati a novembre e dicembre 2017, ha quindi carattere retroattivo.

Per non perdere il diritto allo sgravio fiscale previsto dal Bonus Giovani 2018, l’azienda che assume dovrà rispettare la clausola “anti-licenziamenti”: non è consentito alcun licenziamento (nemmeno nei 6 mesi precedenti l’assunzione) di personale all’interno della stessa unità produttiva, quindi anche con mansioni differenti. Il datore di lavoro, inoltre, sarà tenuto a non licenziare il neoassunto nei sei messi successivi al suo ingresso in azienda.

Cumulabilità degli incentivi giovani 2018

Per avere un quadro completo delle possibilità offerte dagli incentivi giovani 2018, è importantissimo sapere che il Bonus Giovani è cumulabile con Garanzia Giovani.

Le aziende potranno scegliere, ad esempio, di assumere giovani con contratto a tempo indeterminato e usufruire di entrambe le agevolazioni, ottenendo sgravi fiscali al 100% per i primi 12 mesi e al 50% per i 24 mesi successivi (per un totale di 36 mesi, durata massima del Bonus Giovani).

Il Bonus Giovani non è invece applicabile per contratti a tempo determinato o di apprendistato, per cui resta valido solo l’utilizzo del bonus Garanzia Giovani.

Le aziende che non potessero usufruire della cumulabilità degli incentivi, in quanto non conformi alla norma anti-licenziamenti e non idonee per ottenere il Bonus Giovani 2018, avranno comunque la possibilità di usufruire delle agevolazioni previste da Garanzia Giovani.

Altri incentivi giovani 2018

Anche in altri casi è prevista la possibilità di un potenziamento del Bonus Giovani (con un aumento degli sgravi fiscali fino al 100%):

  • Incentivo al sistema duale

Sgravi fiscali aumentati al 100% per 36 mesi (ma sempre con un tetto annuo massimo di 3mila euro) per l’assunzione a tempo indeterminato di ragazzi che hanno svolto l’alternanza scuola-lavoro all’interno della stessa azienda.

  • Bonus Sud

Le aziende che assumono giovani disoccupati under 30 delle regioni del Sud Italia a tempo indeterminato potranno avere un aumento degli sgravi fino al 100% per il primo anno, con un tetto massimo di 8.060 euro. Per gli altri due anni lo sgravio rimane del 50%, come previsto per la cumulabilità con Garanzia Giovani.

SEI INTERESSATO A RICEVERE CONSULENZA SUGLI INCENTIVI PER L’ASSUNZIONE DI GIOVANI?

Contattaci per avere maggiori informazioni.

PER SAPERNE DI PIÙ

Post precedente

Stato di disoccupazione: come richiederlo con la DID online

Post successivo

Intervista a Vanessa Lazzari – Consulenza e Gestione clienti

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *