candidatoLAVOROTIPS AZIENDE - HR E RECRUITING

Categorie protette: cosa si intende e tutto quello che c’è da sapere

A chi cerca un’occupazione sarà capitato spesso di imbattersi in annunci “riservati alle categorie protette”. Ma cosa si intende? È una tematica delicata e importante da comprendere, anche per i datori di lavoro, che dovrebbero conoscere le regole che impongono l’inserimento in azienda di risorse appartenenti proprio alle categorie protette. Vediamo insieme cosa prevede la normativa, cosa si intende per categorie protette, quali obblighi sono previsti per le aziende e come fare per iscriversi alle liste.

La legge 68/99

La Legge 12 marzo 1999, n. 68 intitolata “Norme per il diritto al lavoro dei disabili” regola l’inserimento delle persone disabili nel mondo del lavoro. Partendo dal presupposto che una minorazione fisica o psichica non coincide necessariamente con una riduzione delle capacità lavorative, è finalizzata a tutelare i soggetti portatori di disabilità e a promuovere l’integrazione professionale delle categorie protette. Con questo obiettivo, predispone servizi di sostegno e di collocamento mirato per i lavoratori svantaggiati, favorendone l’ingresso nel mondo del lavoro. Il collocamento mirato implica una valutazione delle capacità lavorative dei soggetti con disabilità, per garantire loro l’inserimento in un posto di lavoro idoneo.

Requisiti delle categorie protette

L’articolo 1 della legge 68/99 fornisce i dettagli sui requisiti dei lavoratori che sono inclusi nelle categorie protette. Nello specifico, sono indicate diverse tipologie di disabilità:

  1. Individui in età lavorativa, affetti da invalidità fisica o psichica o portatori di handicap intellettivo con conseguente riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%.
  1. Invalidi del lavoro con un grado di invalidità superiore al 33%.
  1. Invalidi di guerra, invalidi civili di guerra, invalidi per servizio.
  1. Non vedenti, colpiti da cecità assoluta o con un residuo visivo non superiore ad un decimo ad entrambi gli occhi.
  1. Sordomuti, colpiti da sordità dalla nascita o prima dell’apprendimento della lingua parlata.
  1. Vittime di terrorismo e criminalità organizzata.

Per ciascuna delle invalidità elencate, vige l’obbligo di presentare una certificazione sottoscritta dalle commissioni apposite delle Aziende Sanitarie Locali (ASL), che determinano anche  tempistiche e modalità per gli accertamenti successivi circa la permanenza dell’invalidità. Invece, nel caso di un’invalidità dovuta a un incidente sul posto di lavoro, sarà necessario un accertamento certificato dall’INAIL (Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali).

Obblighi per le aziende

La legge 68/99 determina l’obbligo per le imprese, pubbliche o private, di assumere personale appartenente alle categorie protette. La percentuale varia in proporzione alle dimensioni dell’azienda e al numero di lavoratori che ospita:

  • aziende da 15 a 35 dipendenti → obbligo di assumere almeno 1 soggetto appartenente alle categorie protette
  • aziende da 36 a 50 dipendenti → obbligo di assumere almeno 2 soggetti appartenenti alle categorie protette
  • aziende oltre 50 dipendenti → obbligo di assumere il 7% di soggetti appartenenti alle categorie protette

Occorre precisare che nel computo delle percentuale bisogna considerare esclusivamente i dipendenti con contratto a tempo indeterminato. Non rientrano nel calcolo i dirigenti, il personale con con contratto a tempo determinato, di apprendistato, o gli addetti al telelavoro. Le aziende possono scegliere se assumere un appartenente alle categorie protette per chiamata nominativa (tramite selezione diretta del lavoratore da assumere), oppure per chiamata numerica (contattando le risorse attraverso le liste dei Centri per l’Impiego). Le imprese che non ottemperino agli obblighi previsti dalla legge sono perseguibili di sanzioni amministrative, stabilite dalle direzioni provinciali del lavoro.

Agevolazioni ed esoneri per le aziende

Sono previste dalla normativa anche alcune agevolazioni, finalizzate a incentivare le assunzioni di soggetti appartenenti alle categorie protette:

  • fino a 8 anni di fiscalizzazione dei contributi previdenziali e assistenziali per l’assunzione di lavoratori con una percentuale di invalidità oltre il 79%
  • fino a 8 anni di fiscalizzazione dei contributi previdenziali e assistenziali per l’inserimento di lavoratori con un handicap intellettivo e psichico (a prescindere dalla percentuale di invalidità)
  • fino a 5 anni di fiscalizzazione del 50% per l’inserimento in azienda di lavoratori con una percentuale di invalidità compresa tra il 67 e 79%
  • rimborso parziale delle spese sostenute per adeguare il posto di lavoro a soggetti con percentuale di invalidità superiore al 50% o per predisporre tecnologie finalizzate al telelavoro.

Sono previsti, inoltre, alcuni casi di esonero:

  • aziende in liquidazione o in stato di fallimento dichiarato
  • aziende in fase di ristrutturazione, o riorganizzazione aziendale che abbiano dovuto adottare interventi straordinari di integrazione salariale
  • aziende in mobilità
  • aziende che abbiano stipulato contratti di solidarietà

  Per approfondimenti per le aziende, visita la pagina Collocamento mirato di ClicLavoro.

Come iscriversi alle liste

Per iscriversi alle liste delle categorie protette, occorre possedere alcuni requisiti indispensabili:

  • età minima 15 anni
  • non aver raggiunto l’età pensionabile
  • essere disoccupati
  • certificazione di invalidità civile

Per effettuare (gratuitamente) l’iscrizione agli elenchi del Servizio per l’Occupazione dei disabili occorre recarsi al Centro per l’Impiego della città di domicilio. Se il soggetto disabile o invalido non è in grado di recarsi personalmente presso un Centro per l’Impiego, esiste la possibilità di delegare un famigliare o una persona di fiducia.  

Vuoi usufruire degli incentivi Garanzia Giovani?

FourStars può offrirti consulenza specializzata e un supporto personalizzato per accedere a Garanzia Giovani

PER SAPERNE DI PIÙ



Post precedente

Architetto Paesaggista: la progettazione del verde e degli spazi aperti

Post successivo

Infermiere: un professionista nell’assistenza sanitaria

34 Commenti

  1. Noemi
    21/06/2019 at 12:46 pm — Rispondi

    Buon pomeriggio,
    Io sono in categoria protetta a quale indirizzo email posso inviare il cv
    Distinti saluti
    Noemi

    • 24/06/2019 at 8:13 am — Rispondi

      Buongiorno Noemi,
      se è alla ricerca di lavoro, deve candidarsi ai nostri annunci di stage e lavoro sul nostro sito.
      Per inviare il curriculum dovrà semplicemente candidarsi all’offerta sul nostro sito. I colleghi della selezione la contatteranno nel caso in cui il suo profilo sarà idoneo.
      Cordiali saluti
      FourStars

  2. Daniele
    31/07/2019 at 3:34 pm — Rispondi

    Buon pomeriggio,
    mi chiamo Daniele, sono un invalido civile al 50%, risiedo nella provincia di Novara, ho inoltrato domanda per l’accertamento delle capacità lavorative in data 1 aprile scorso, ma non sono ancora stato chiamato, e a questo punto comincio a preoccuparmi, dato che così non riesco a completare la procedura di iscrizione al collocamento mirato e di conseguenza rispondere alle relative offerte. Sapreste darmi qualche informazione sui tempi di attesa, o eventualmente un consiglio per sollecitare tale procedura? Grazie per la cortese attenzione e cordiali saluti.

    • 02/08/2019 at 2:28 pm — Rispondi

      Buon pomeriggio Daniele,
      per il suo caso specifico le consiglieremmo di rivolgersi agli uffici regionali o all’inps.
      A presto, FourStars

  3. CRISTIAN
    06/09/2019 at 4:46 pm — Rispondi

    Salve per chi già lavora con un contratto normale e rientra nelle categorie protette e vorrebbe cambiare lavoro cosa bisogna fare?

    • 25/10/2019 at 8:16 am — Rispondi

      Buongiorno Cristian, potrebbe rivolgersi alle agenzie per il lavoro e ai Centri per l’impiego per capire se hanno posizioni aperte per categorie protette. Oltretutto con alcune agenzie per il lavoro è possibile impostare un percorso di orientamento e accompagnamento al lavoro che potrebbero rivelarsi utili. A presto, FourStars

  4. Alfredo
    31/10/2019 at 9:21 pm — Rispondi

    Buongiorno, mia moglie ha subito un intervento di protesi all’anca sinistra e soffre di tre ernie al disco con artrosi alla colonna vertebrale.
    Vorrei, cortesemente, sapere quale iter burocratico bisogna seguire per richiedere l’iscrizione alle categorie protette qualora ne avesse i requisiti.
    Ringraziando per la risposta porgo, distinti saluti.
    Grazzani Alfredo

    • 27/11/2019 at 9:21 am — Rispondi

      Buongiorno Alfredo, le consigliamo di rivolgersi a un patronato in merito alla delicata questione. A presto, FourStars

  5. sandra
    02/11/2019 at 2:07 pm — Rispondi

    Salve vorrei sapere se un figlio di un invalido al 100/100 può far parte delle categorie protette
    Grazie

    • 27/11/2019 at 9:31 am — Rispondi

      Buongiorno Sandra, le consigliamo di rivolgersi a un patronato in merito alla delicata questione. FourStars

  6. Massimo grilli
    04/12/2019 at 12:44 pm — Rispondi

    Buongiorno mi chiamo Massimo grilli è una malattia invalidante a 67%. Volevo chiedervi ogni coinvolte che devo fare delle visite per Firenze il mio problema devo sempre chiedere di assentarmi al lavoro E quel giorno perro sempre. La retribuzione giornaliera. È normale sia così potevo muovermi in altro modo perché questo giorno mi venga riconosciuto è retribuito

    • 12/03/2021 at 11:25 am — Rispondi

      Gentile Massimo,
      le consiliamo di verificare la possibilità di usufruire della L. 104/1992.
      A presto, FourStars

  7. 04/01/2020 at 1:58 am — Rispondi

    Sono bruno lavoro in una azienda della val di non con la legge 68 e la mia postazione è tra le più faticose, mi chiedo che vantaggi abbiamo, che ne pensate

    • 01/04/2020 at 8:07 am — Rispondi

      Buongiorno Bruno,
      comprendiamo i suoi dubbi. Purtroppo, non conoscendo il suo tipo di disabilità, non siamo in grado di offrirle alcun riscontro circa la compatibilità con la sua mansione da lei svolta.
      A presto, FourStars

      • Maria
        15/06/2020 at 10:45 am — Rispondi

        Posso scrivermi alla categorie protette,ho un problema con la mia statura sono alta 1,45.

        • 19/06/2020 at 10:23 am — Rispondi

          Buongiorno Maria,
          il nostro consiglio è di chiedere maggiori informazioni al suo medico e, se del caso, effettuare una visita per il riconoscimento dell’invalidità civile e agire di conseguenza.
          A presto, FourStars

  8. Michele
    06/02/2020 at 4:19 pm — Rispondi

    Buongiorno,
    Volevo porre un quesito… mia moglie è un insegnante di ruolo appartenente alla categoria protetta. E’ tutelata dalla legge 104/92 con un’invalidità del 67%. Quest’anno le è stato assegnato un bambino con scatti di ira e spesso violento con gli altri (insegnanti e compagni). I genitori hanno ben pensato di non procedere per un accertamento e di conseguenza avere il sostegno.
    Mia moglie si trova ogni volta in estrema tensione, vivendo nella paura di questo bambino.

    La sua disabilità è dovuta all’idrocefalo ed altri problemi che non le consentono di subire forte stress psico-fisico, che diversamente lei ogni giorno subisce.

    In conclusione chiedo se esiste qualche legge che la possa tutelare, non assegnandole, per esempio, casi di questo genere anche se non ufficialmente dichiarati…

    Rimango in attesa di una risposta.

    Grazie

    • 01/04/2020 at 8:12 am — Rispondi

      Buongiorno Michele,
      il suo caso è molto specifico. Le consigliamo di rivolgersi ad un patronato o al sindacato.
      A presto, FourStars

  9. Stefano
    08/05/2020 at 3:29 am — Rispondi

    Salve,
    Un anno da mi è stata diagnosticata una malattia cronica.
    Su consiglio del mio medico, ho fatto le tre domande; per invalidità civile, legge 104 e per le cat. protette.
    Sottoposto ad esame in asl, sono stato infine valutato con invalidità al 46%.
    Al momento lavoro normalmente, a chi devo/posso rivolgermi per sapere cosa fare?
    Avevo pensato di parlare col nostro medico del lavoro, di rivolgermi a un centro per l’impiego o al patronato.
    Sapreste indicarmi qualche possibile soluzione?

    Saluti

    Stefano

    • 11/05/2020 at 8:17 am — Rispondi

      Buongiorno Stefano,
      purtroppo non ci è chiaro quale sia l’oggetto della sua richiesta. Ad ogni modo, potrà sicuramente rivolgersi ad un patronato o direttamente all’INPS.
      A presto, FourStars

  10. 02/09/2020 at 4:05 pm — Rispondi

    Buonasera, mia figlia disoccupata , età 20 anni ,affetta da patologia cronica ( diabete tipi 1)
    che diritti ha? cosa mi conviene richiedere , sento parlare di 104, categorie protette e indennità civile.
    Mi potete consigliare?
    E se viene riconosciuta un’indennità per patologia grava sulla patente di guida?
    vi ho fatto una serie di domande per cercare di capire meglio

    • 03/09/2020 at 12:56 pm — Rispondi

      Buongiorno Roberta,
      il riconoscimento dell’invalidità per il diabete discende dalla presenza di alcune patologie collegate al diabete: per verificare se sua figlia ha diritto a qualche beneficio è quindi necessario verificare quali siano le patologie correlate. Per ottenere maggiori informazioni, potrà rivolgersi direttamente all’INPS o ad un patronato.
      Per quanto riguarda la patente di guida, il rinnovo è stabilito in base al “rischio”, a sua volta determinato dalla presenza di patologie più o meno gravi.
      A presto, FourStars

  11. 10/12/2020 at 6:40 pm — Rispondi

    Buon giorno mi chiamo Gianluca e sono invalido civile al 75 %. Appartengo alle categorie protette. Con la legge 68 99 sono stato assunto in una fabbrica come operaio metalmeccanico part time a tempo indeterminato. Ho tutto il pomeriggio libero e vorrei sfruttarlo impegnandomi in qualcosa che mi piace. Vorrei sapere se posso aprire partite iva non tralasciando il lavoro di operaio.

    • 18/01/2021 at 3:49 pm — Rispondi

      Buongiorno Gianluca, tra lavoro dipendente presso privati e lavoro autonomo, generalmente, non vi è incompatibilità. Le consigliamo comunque di verificare presso un patronato o un sindacato. A presto, FourStars

  12. Franscesca
    23/02/2021 at 12:49 am — Rispondi

    Salve, mi chiamo Francesca e ho 30 anni. Sono in fase di accertamento di invalidità (pratica andata a rilento a causa di problemi personali, dovuti ad anni di interventi paure e sofferenze). In pratica ho una cecita totale nell’occhio destro, per cui porto una protesi e grave miopia nell’occhio sinistro (mi mancano circa 10 gradi), dove, a causa di un distacco parziale del vitreo, è permanente la visione di corpi fluttuanti ecc. Tutto ciò non mi toglie la voglia di voler intraprendere il mio sogno, quello di lavorare come insegnante, cosa per cui nonostante le mie limitazioni sono riuscita a conseguire laurea e laurea specialistica in Lettere. A tal proposito se ottenuta l’invalidità richiesta sarà per me possibile ambire a questo ruolo? Se sì avrò delle agevolazioni per l’impiego? Grazie in anticipo per il supporto.

    • 13/04/2021 at 2:41 pm — Rispondi

      Buongiorno Francesca,
      l’insegnamento nelle scuole pubbliche prevede un concorso pubblico nel quale vengono riservati dei posti per i soggetti con disabilità, tra cui anche la cecità. Per maggiori informazioni, rimandiamo a https://www.superabile.it (sito dell’INAIL).
      Buona giornata, FourStars

  13. Talita
    15/03/2021 at 9:01 am — Rispondi

    Buongiorno, io ho fatto la richiesta per l’invalidità civile e l’iscrizione alla lista delle categorie protette il 16 ottobre 2020, ad oggi (15 marzo 2021) mi è stata riconosciuta solo l’invalidità (al 46%) ma sto ancora aspettando un riscontro per le categorie protette. Se Dovessi trovare lavoro prima dell’inserimento nelle categorie protette, rischio qualche cosa? Grazie per l’attenzione

    • 13/04/2021 at 2:42 pm — Rispondi

      Buongiorno Talita,
      l’iscrizione al collocamento mirato è un diritto, non un obbligo, quindi può essere assunto anche al di fuori del sistema del collocamento mirato. Per maggiori informazioni, la invitiamo a rivolgersi al Centro per l’impiego ove ha posto la richiesta di iscrizione.
      Buona giornata, FourStars

  14. Giannicola
    22/03/2021 at 7:31 am — Rispondi

    Buongiorno volevo chiederti con certificato rilasciato a Modena per causa trasferimento posso iscrivermi anche agli uffici di altra regione come categoria protetta?

    • 25/03/2021 at 3:47 pm — Rispondi

      Buongiorno Giannicola,
      se si è trasferito in un’altra città, consigliamo di recarsi al Centro per l’impiego di competenza, portando con sé la documentazione rilasciata dall’Ufficio di Modena.
      Buona giornata, FourStars

  15. Sophia
    21/05/2021 at 2:06 pm — Rispondi

    Buongiorno,
    Se una persona è stata assunta da un’azienda come categoria protetta e vuole cercare un altro impiego, candidandosi alle posizioni riservate alle categorie protette, come funziona?

    • 17/06/2021 at 12:17 pm — Rispondi

      Buongiorno Sophia,
      l’assunzione come categoria protetta è di competenza del Centro per l’Impiego. Consigliamo di rivolgersi al Centro per l’Impiego più vicino a Lei.
      A presto, FourStars

  16. Fabio
    23/10/2021 at 10:18 am — Rispondi

    Salve. Se sono iscritto alle cat protette, deve per forza a quel punto essere assunto come cat protette oppure posso avere anche un contratto di lavoro “normale”? Saluti

    • 10/11/2021 at 1:44 pm — Rispondi

      Buongiorno Fabio,
      se l’azienda non ne ha necessità, la risorsa può essere assunta anche senza categoria protetta.
      A presto, FourStars.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *