LAVOROTIPS AZIENDE - HR E RECRUITING

Trend HR 2022: in che direzione andranno le risorse umane quest’anno?

Quali saranno i principali trend HR 2022?

Il mondo del lavoro è sempre in evoluzione, ma questi anni di pandemia hanno accelerato alcuni cambiamenti e messo in discussione le priorità nella gestione delle risorse umane.

Vediamo tutte le tendenze che caratterizzeranno questo nuovo anno di attività professionale.

  1. Smart working e lavoro ibrido

Il trend HR 2022 più facile da prevedere è sicuramente un consolidamento dell’utilizzo dello smart working.

L’emergenza sanitaria ha velocizzato il processo di transizione, ma possiamo immaginare che il lavoro da remoto, o quanto meno ibrido, continuerà ad essere usato anche in futuro dalle aziende.

Dopo la “sperimentazione forzata” in tempi di lockdown, molti datori di lavoro si sono resi conto che lo smart working comporta molti vantaggi, uno su tutti l’abbattimento dei costi, ma anche un maggior benessere dei dipendenti e quindi una maggiore qualità del lavoro.

Ma soprattutto il lavoro agile è diventato un requisito fondamentale per i professionisti che cercano una nuova occupazione, quindi di fatto rappresenta una leva di competitività sul mercato del lavoro, utile per attrarre talenti ed evitare l’aumento del turnover.

  1. Benessere del dipendente

Tra gli aspetti più urgenti che le Risorse Umane delle aziende saranno chiamate ad affrontare nel 2022 e negli anni a venire, c’è sicuramente il tema della tutela del benessere fisico e psicologico dei dipendenti.

Gli effetti della pandemia sono stati forti, gli HR si dovranno impegnare per coltivare il lato umano nelle relazioni professionali e mettere al centro le persone, per individuare e gestire segnali di stress, promuovendo un ambiente di lavoro sano e positivo, che possa influire positivamente anche sulla produttività.

  1. Reskilling e mobilità interna

In un mercato del lavoro complesso come quello attuale, la formazione e l’aggiornamento delle competenze interne saranno un trend HR 2022 obbligato, sia nell’ottica di favorire la mobilità interna (riducendo i costi di selezione), che di riqualificare il personale di settori in crisi.

Il potenziamento delle competenze costituisce un asset strategico da non sottovalutare, che porterà le Risorse Umane a lavorare sia sul fronte delle hard skills che delle soft skills, che si rivelano sempre fondamentali nella creazione di un team equilibrato e collaborativo.

Nell’ottica di puntare sulla mobilità interna, la mappatura delle competenze sarà necessaria anche per strutturare un sistema di performance management.

  1. Employee Retention

Proprio in funzione di un aumento della mobilità interna e in linea con la ricerca del benessere dei dipendenti, gli HR dovranno porsi come obiettivo 2022 l’employee retention, ovvero una serie di strategie per trattenere i dipendenti migliori in azienda.

Bonus per i risultati raggiunti e altri benefit saranno gli strumenti fondamentali per incentivare il personale a restare, ma bisognerà puntare anche su un rapporto più umano e sulla comprensione reale delle aspirazioni e delle esigenze dei dipendenti.

  1. Machine Learning

Ne avevamo già parlato presentando le tendenze degli anni passati: l’avanzata del Machine Learning continua e si afferma come uno dei principali trend HR 2022.

L’intelligenza artificiale verrà adottata nei processi di recruiting per automatizzare le attività più monotone, lasciando tempo e spazio a quelle più complesse e di valenza strategica.

  1. Generazione Z

Un altro trend HR 2022: l’aumento di risorse appartenenti alla Generazione Z!

Cresce il numero dei giovanissimi in azienda, quelli nati a partire dalla seconda metà degli anni ’90. In stage o con contratto di apprendistato, gli iGen si apprestano a iniziare un percorso professionale e sarà compito delle aziende capire le loro esigenze per attrarre e trattenere i talenti più young.

Per gli Hr si pone anche la sfida di gestire un team multigenerazionale, cercando di valorizzare i punti comuni e minimizzare le possibilità di conflitto.

  1. Inclusione

Cresce sempre di più il numero delle aziende che si impegnano per creare ambienti di lavoro più inclusivi e la diversity diventa così un trend HR 2022, utile per migliorare le performance e attrarre talenti facendo sentire tutti accolti e apprezzati.

Ovviamente, per essere efficaci, le iniziative di promozione della diversità in azienda devono essere portate avanti innanzitutto dagli HR, ma anche condivise da tutti i colleghi.

  1. Change Management

Se c’è qualcosa che abbiamo imparato da questi ultimi anni in cui la pandemia ha condizionato così tanto le sorti del mondo del lavoro, è che il cambiamento – anche improvviso – è sempre dietro l’angolo.

Questo aspetto richiede una preparazione adeguata delle aziende e pone la costruzione di strategie di change management tra i trend HR 2022 fondamentali per restare al passo e non farsi trovare impreparati di fronte ai processi trasformativi.

Importantissimo anche incoraggiare i dipendenti ad affrontare il cambiamento, sperimentando magari nuovi modelli di business e mettendosi costantemente in gioco.

  1. Revisione delle policy

Per far fronte ai cambiamenti sarà necessario adottare anche nuove policy aziendali, ad esempio riguardanti la definizione e l’attuazione dei protocolli di sicurezza anti covid, ma anche la gestione del lavoro ibrido e una ridefinizione delle retribuzioni in funzione delle nuove versioni contrattuali.

  1. Largo al coaching

Ultimo nella nostra top ten dei trend HR 2022, ma non meno importante, l’investimento su interventi di coaching – individuale e di gruppo – per dare strumenti a manager e dipendenti e supportarli in momenti in cui hanno bisogno di un aiuto.

L’incertezza e i cambiamenti repentini di cui abbiamo parlato, ad esempio, possono richiedere un sostegno rivolto ad alcuni lavoratori, per aiutarli a rimuovere gli schemi comportamentali limitanti e introdurre nuovi schemi più positivi.


CERCHI CANDIDATI PER LA TUA AZIENDA?

Affidaci le tue selezioni, troveremo la persona che cerchi.

PER SAPERNE DI PIÙ


Post precedente

Manager Assistant: parola d'ordine “affidabilità”

Post successivo

Categorie protette: cosa sono e tutto ciò che c'è da sapere

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *