LAVOROTIPS AZIENDE - HR E RECRUITING

Alternanza scuola-lavoro (PCTO): cos’è e i vantaggi per le aziende

Cos’è l’alternanza scuola-lavoro (PCTO)

L’alternanza scuola-lavoro, introdotta inizialmente nel 2003, è una metodologia didattica che permette agli studenti di affiancare alla formazione scolastica, prettamente teorica, un periodo di esperienza pratica presso un ente pubblico o privato.

Nel 2015 l’alternanza scuola-lavoro è stata resa obbligatoria, con la riforma della Buona Scuola, per tutti gli studenti del secondo biennio e dell’ultimo anno della scuola secondaria di secondo grado.

Aggiornamento 2019 > con la Legge di BILANCIO 2019 (Art.57, comma 18) all’Alternanza Scuola Lavoro è stata attribuita la denominazione “Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento (PCTO)”

Gli istituti di formazione, sulla base di apposite convenzioni stipulate con le imprese, sono tenuti a organizzare per i propri studenti periodi di formazione professionale in azienda o altre attività che favoriscano l’integrazione con il mondo del lavoro (giornate di orientamento, incontri con aziende e professionisti, stage, ricerca sul campo, project work), per un ammontare totale di 400 ore per gli istituti tecnici e 200 per i licei.

La legge 107/2015 ha inoltre introdotto la possibilità di effettuare l’alternanza scuola-lavoro durante la sospensione  delle attività didattiche, sia in Italia che all’estero, nonché l’obbligo di includere nel programma di formazione corsi in materia di salute e sicurezza nel posto di lavoro.

Obiettivi dell’alternanza scuola-lavoro

L’obbligatorietà dell’alternanza scuola-lavoro, introdotta con la riforma della Buona Scuola, si fonda su alcuni obiettivi ben definiti:

  • favorire l’orientamento dei giovani per valorizzarne le aspirazioni personali, gli interessi e gli stili di apprendimento, nonché per aiutarli a sviluppare la capacità di scegliere autonomamente e consapevolmente
  • integrare la formazione acquisita durante il percorso scolastico con l’acquisizione di competenze più pratiche, che favoriscano un avvicinamento al mercato del lavoro
  • offrire agli studenti opportunità di crescita personale, attraverso un’esperienza extrascolastica che contribuisca a svilupparne il senso di responsabilità
  • favorire una comunicazione intergenerazionale, gettando le basi per uno mutuo scambio di esperienze e una crescita reciproca

Per garantire una continuità tra l’attività di formazione compiuta a scuola e quella svolta in azienda, vengono designati un tutor didattico, generalmente un docente, che offre assistenza agli studenti e verifica il corretto svolgimento del percorso in alternanza scuola-lavoro, e un tutor aziendale, che favorisce l’inserimento dello studente in azienda e collabora con la scuola per permettere la verifica delle attività.

I vantaggi dell’alternanza scuola-lavoro (PCTO) per le aziende

L’alternanza scuola-lavoro permette innanzitutto di ridurre il divario tra il sistema scolastico e il mondo del lavoro, avvicinando la formazione alle competenze e ai requisiti professionali richiesti dalla realtà economico-produttiva.

Favorendo la creazione di relazioni stabili tra scuola e impresa, consente alle aziende di reperire più facilmente le figure professionali che stanno cercando.

La pratica sistematica dell’alternanza scuola-lavoro garantisce infatti un più rapido inserimento delle nuove generazioni nel mondo del lavoro, agevolando le imprese anche nell’individuazione di risorse con competenze già formate e già abituate a interfacciarsi con una realtà aziendale.

Inoltre, l’alternanza scuola-lavoro permette alle aziende di acquisire una maggiore riconoscibilità sul territorio, promuovendo il proprio ruolo sociale e il proprio impegno nella formazione delle nuove generazioni.

Bando Fai Alternanza: servizi gratuiti per le aziende

Con il Bando Fai Alternanza, promosso dalla Camera di Commercio di Milano, Monza e Brianza e Lodi, le aziende hanno potuto usufruire gratuitamente di una serie di servizi aggiuntivi:

  • redazione dei progetti formativi per i progetti di alternanza scuola-lavoro
  • formazione dei tutor
  • tutoraggio aziendale
  • redazione degli attestati di competenze

FourStars ha aderito al bando e, in qualità di ente operatore accreditato per i servizi al lavoro di Regione Lombardia, ha offerto alle aziende piani personalizzati di accompagnamento e formazione per i percorsi di alternanza scuola-lavoro, nonché un sostegno per il reperimento dei fondi dedicati.

Scopri i nostri progetti di Alternanza Scuola Lavoro:

 


CONSULENZA AD AZIENDE E SCUOLE PER ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

FourStars organizza incontri dedicati a scuole e aziende che vogliono avviare
percorsi di Alternanza Scuola Lavoro con matching mirato.

SCOPRI DI PIU'


Post precedente

FourStars con RAI al Salone del Libro di Torino per presentare i progetti di alternanza scuola-lavoro

Post successivo

Assegno di ricollocazione (2019): un aiuto concreto per il reinserimento nel mondo del lavoro

8 Commenti

  1. Mariarosaria Passaro
    27/03/2020 at 2:47 pm — Rispondi

    Sono un docente di scuola secondaria di secondo grado. Mi occupo di PCTO, ex Alternanza scuola-lavoro, da quasi venti anni in un istituto tecnico della provincia di Pisa.
    Viste le difficoltà dei colleghi nelle procedure e nella comprensione del significato dei PCTO, ho provato a scirvere una sorta di Manuale operativo, sarei interessata a metterlo a disposizione dei docenti.
    Potreste essere interessati alla pubblicazione sul vostro blog? nel ringraziarvi anticipatamente
    cordiali saluti

    • 02/04/2020 at 2:05 pm — Rispondi

      Buongiorno Mariarosaria,
      grazie mille per il suo interesse. Ci farebbe piacere ricevere il Manuale operativo sui PCTO, può scriverci tutti i dettagli su info@4stars.it.
      A presto, FourStars

    • Gianluigi Frau
      19/05/2020 at 10:01 am — Rispondi

      Buongiorno, sarei interessato ad avere il manuale sul PCTO che ha scritto, anche io mi occupo di PCTO in un liceo scientifico e delle scienze umane.
      Saluti
      Gianluigi Frau

    • daniela
      03/09/2020 at 8:30 pm — Rispondi

      salve sono docente di scuola secondaria sarei interessato al manuale operativo PCTO
      grazie

    • 08/05/2021 at 1:40 pm — Rispondi

      Buonasera, sarei molto interessato a poter leggere il suo manuale operativo. Se ha piacere me lo mandare al mio indirizzo mail: massimo_armenise@yahoo.it

      Grazie

  2. 21/09/2020 at 8:25 am — Rispondi

    Salve, per questo è il primo anno di esperienza come
    docente referente per Pcto, un anno davvero speciale per iniziare!!!!!! Mi sarebbero graditi vostri suggerimenti su eventuali progetti a distanza per un liceo artistico.
    Maria

  3. Arianna Lorenzi
    22/12/2020 at 7:57 am — Rispondi

    Buongiorno a tutti, sono una terapista occupazionale, insegno all’Università di Padova “la terapia occupazionale per il reinserimento lavorativo” e ho seguito in prima persona, a contatto con aziende e talvolta anche di supporto al SIL, vari progetti in Veneto dedicati all’integrazione lavorativa delle persone con disabilità. Ho lavorato con adolescenti con disabilità congenite o acquisite e spesso mi sono resa conto che arrivano alla fine della scuola superiore senza avere con sè un profilo professionale spendibile nel mondo del lavoro. Mi piacerebbe una progettualità per gli studenti disabili che preveda un percorso pre-lavorativo di terapia occupazionale che valuti aspirazioni, inclinazioni personali, risorse e limiti, magari che possa sfruttare le esperienze di alternanza scuola-lavoro in modo mirato, produttivo, riabilitativo al fine di creare, appunto, un profilo psofessionale spendibile alla fine della scuola.
    A chi ci si potrebbe rivolgere, nel mondo della scuola, per proporre tale progettualità?
    Saluti, Arianna Lorenzi (arianna.lorenzi@unipd.it)

    • 08/01/2021 at 9:27 am — Rispondi

      Buongiorno Arianna,
      in questo momento non possiamo aiutarla poichè attualmente non abbiamo in essere progetti PCTO. Le consigliamo perciò di rivolgersi direttamente agli Uffici delle Scuole per richiedere una possibile collaborazione. A presto, FourStars

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *