banner centrale homedote unica lavoro

Dote Unica Lavoro: nuovi incentivi per l’assunzione di over 30

C’è una grande novità nel campo delle politiche attive del lavoro: gli incentivi Dote Unica Lavoro per le assunzioni di candidati over 30!

Fino a poco tempo fa, DUL non prevedeva incentivi economici, ma solo piani di intervento e formazione gratuiti e personalizzati.

Per sostenere l’occupazione, anche a seguito delle dinamiche imposte dalla pandemia, il piano Dote Unica Lavoro ha introdotto un pacchetto di incentivi occupazionali per le imprese che assumono i destinatari della politica attiva.

Indice:

Cos’è la DUL – Dote Unica Lavoro

Dote Unica Lavoro è un programma di Regione Lombardia per favorire l’occupazione.

Il principio è di offrire servizi personalizzati per l’inserimento o il re-inserimento professionale, proporzionati alle difficoltà di inserimento o re-inserimento nel mondo del lavoro.

Il programma DUL individua 5 fasce di intensità di aiuto, a ciascuna delle quali corrisponde una Dote, ovvero un budget assegnato di valore proporzionale.

Le fasce di aiuto e il valore delle Doti sono calcolati in base a fattori specifici che determinano la distanza dal mondo del lavoro, come ad esempio il genere, l’età o il titolo di studi.

Per accedere al programma ci sono dei requisiti da rispettare, associati al candidato, all’azienda e alla tipologia contrattuale. Vediamo di seguito i dettagli.

Requisiti di un candidato Dote Unica Lavoro

Innanzitutto: quali requisiti deve avere un candidato per avere diritto alla Dote Unica Lavoro?

La DUL si rivolge essenzialmente alle seguenti categorie di candidati:

      • Disoccupati over 30, residenti e/o domiciliati in Lombardia
      • Occupati sospesi in presenza di crisi, riorganizzazione aziendale o cessazione in unità produttive/operative ubicate in Lombardia che beneficiano di trattamenti di integrazione salariale in deroga e con causali COVID-19

Sono naturalmente esclusi i soggetti beneficiari di altre politiche attive, ad esempio i giovani disoccupati under 30, che possono accedere a Garanzia Giovani e gli occupati sospesi che possono usufruire dell’Assegno di Ricollocazione e accedere all’Avviso Azioni di rete per il lavoro.

Aziende che possono avere gli incentivi Dote Unica Lavoro

Ma quali sono i requisiti che un datore di lavoro deve avere per poter accedere agli incentivi DUL?

Sono ammessi i datori di lavoro che assumono lavoratori presso una sede operativa o produttiva in Lombardia, purché appartengano a una delle seguenti categorie:

      • soggetti regolarmente iscritti presso il registro delle imprese CCIAA territorialmente competente con stato attivo (se sono tenuti a tale adempimento)
      • soggetti non iscritti presso il registro delle imprese ma in possesso di una partita IVA ed esercitanti attività di tipo economico
      • Enti del Terzo Settore iscritti ai registri
      • Associazioni e Fondazioni con personalità giuridica e iscritte al Registro Regionale delle persone giuridiche
      • lavoratori autonomi esercenti arti o professioni con partita IVA attiva, in forma singola o associata

Tipologie contrattuali compatibili con gli incentivi DUL

Gli incentivi Dote Unica Lavoro sono riconosciuti per la sottoscrizione dei seguenti contratti di lavoro subordinato, sia full time che part time (di almeno 20 ore settimanali medie), avviati nell’ambito della politica attiva:

      • contratti a tempo indeterminato
      • contratti a tempo determinato di almeno 12 mesi

Sono esclusi i contratti di somministrazione.

Incentivi Dote Unica Lavoro

Come abbiamo detto, la Dote è differenziata in relazione alla difficoltà di accesso al mercato del lavoro, con i seguenti parametri:

      • Lavoratori under 55: da € 5.000 (per gli uomini) a € 7.000 (per le donne)
      • Lavoratori over 55: da € 7.000 (per gli uomini) a € 9.000 (per le donne)

Il contributo è riferito ai contratti full time. Per i contratti part-time è possibile accedere agli incentivi Dote Unica Lavoro, ma solo riparametrando il contributo in funzione della percentuale di ore previste.

È possibile ottenere una somma aggiuntiva di € 1.000 se l’assunzione viene effettuata:

      1. da un datore di lavoro con meno di 50 dipendenti
      2. da un’impresa, in forma cooperativa, costituita dai lavoratori di imprese in crisi al fine di acquisire tutta o parte delle attività dell’impresa di provenienza.

Come presentare la domanda di contributo DUL

Per ottenere gli incentivi Dote Unica Lavoro occorre presentare una domanda di contributo successivamente all’assunzione del candidato e dopo che l’operatore selezionato avrà rendicontato l’inserimento lavorativo.

La presentazione delle domande di contributo può avvenire, salvo proroghe, fino alle ore 12 del 30/06/2022 e in ogni caso fino a esaurimento delle risorse stanziate, esclusivamente tramite il sistema informativo Bandi Online.

Sul sito della Regione Lombardia è possibile consultare anche le tempistiche e le modalità di erogazione del contributo.


SEI INTERESSATO AGLI INCENTIVI DI DOTE UNICA LAVORO?

Contattaci per avere maggiori informazioni.

PER SAPERNE DI PIÙ


Post precedente

Generazioni Y e Z: come attrarre i giovani in azienda

Post successivo

Contratto a tempo determinato: tutto ciò che devi sapere

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *