candidatoLAVORO

Propositi lavorativi: 8 consigli per il 2021

Anno nuovo, vita nuova! Oltre ai consueti propositi legati allo sport e alla dieta, perché non cominciare da una lista di buoni propositi lavorativi?

1. Rifletti sull’anno che si è concluso

Sicuramente il 2020 non è stato un anno facile, per nessuno.

C’è chi vorrebbe addirittura dimenticarlo, ma il primo dei buoni propositi lavorativi è proprio pensare all’anno che si è appena concluso, facendo un bilancio dei traguardi raggiunti e degli obiettivi rimasti in sospeso.

Come si fa in ambito privato, allo stesso modo bisogna fare anche per la sfera professionale: rifletti, prepara una lista degli aspetti positivi e negativi dell’anno trascorso e stabilisci quali saranno i tuoi prossimi passi per ottenere una stabilità professionale o un avanzamento di carriera.

In questa operazione potrebbe esserti molto utile chiedere e ricevere un feedback dei colleghi o dei tuoi superiori.

2. Prepara un piano per l’anno che inizia

Dopo aver riflettuto a fondo sull’anno trascorso, dovrai definire da subito alcune mete da perseguire e raggiungere in questo nuovo anno professionale: quali i buoni propositi lavorativi per prepararsi ad affrontare al meglio il 2021?

L’ideale sarebbe stabilire un obiettivo generale per l’intero anno e altri obiettivi più piccoli e “mirati” da raggiungere gradualmente.

Prova a pensare a una strategia d’azione per raggiungere gli obiettivi secondo modalità e tempistiche prefissate, cercando di fare delle previsioni realistiche che tengano conto anche dei possibili imprevisti sempre in agguato.

A tal proposito, è molto importante mettere in conto di rivedere i propri obiettivi una o più volte durante l’anno, a seconda di come procederà l’avanzamento e delle possibili criticità che si incontreranno lungo il cammino.

3. Fai un po’ di ordine

Tra i propositi lavorativi per l’anno nuovo c’è sicuramente la pulizia della casella di posta elettronica!

L’ordine è molto importante per garantire una buona produttività: aiuta ad affrontare il nuovo inizio con meno stress e a organizzare meglio il lavoro.

Parti con il piede giusto e poi impegnati per mantenere l’ordine, pianificando azioni cadenzate piuttosto ricorrenti per tenere in ordine la tua casella di posta.

Procedi per priorità: cancella i messaggi inutili e la posta indesiderata, apri le e-mail meno importanti e contrassegnale come già lette e rispondi subito ai messaggi urgenti. Imposta filtri e cartelle per smistare e riorganizzare le e-mail.

Anche la postazione di lavoro merita un po’ di attenzione! Riordina e rendi la tua postazione più accogliente. Lo spazio che ti circonda condiziona fortemente le tue giornate e la qualità del tuo lavoro. 

Se lavori da casa in smart working, leggi i nostri consigli per una postazione molto professionale.

4. Dai spazio ai piccoli obiettivi

Non ti sovraccaricare fin da subito, inizia dalle piccole cose per definire meglio e con più leggerezza anche gli obiettivi più grandi o a lungo termine.

Cerca di archiviare i piccoli lavori rimasti in arretrato, non continuare a rimandare. Questo ti permetterà di creare spazio per svolgere le mansioni più onerose o importanti a mente sgombra.

5. Approfondisci la conoscenza con un collega

Effettivamente in smart working potrebbe non essere facilissimo, ma a maggior ragione vivendo in una sorta di isolamento relazionale, uno dei buoni propositi lavorativi potrà essere creare buoni rapporti con i colleghi.

Continua a nutrire i rapporti già consolidati, ma apriti anche a nuove conoscenze, che potrebbero offrirti nuovi stimoli e nuove idee per migliorare il tuo lavoro.

Se sei fortunato potrebbe anche nascere una piacevole amicizia, che renderà il clima lavorativo più familiare e leggero.

6. Impara qualcosa di nuovo e specializzati

Per evitare che il lavoro si trasformi in un’abitudine senza gratificazioni, impegnati a recuperare un po’ di entusiasmo, studiando per acquisire nuove competenze o chiedendo nuovi incarichi e maggiori responsabilità.

Metti in conto di fare qualche passo avanti nella tua formazione professionale: potresti specializzarti in qualcosa e dare così uno slancio alla tua autostima e magari anche alla tua carriera!

Di questi tempi non sarà facilissimo spezzare la routine settimanale con attività da svolgere dopo l’orario di ufficio, ma la rete trabocca di lezioni, corsi e seminari online. Troverai sicuramente qualcosa che ti appassioni e che ti dia soddisfazione, per rendere le tue settimane più appaganti e stimolanti.

7. Stop alle lamentele

Tra i propositi lavorativi più consigliati: smettere di lamentarsi!

Accantona il vittimismo, inizia a prendere consapevolezza delle tue competenze e dei tuoi margini di miglioramento, invece che sottolineare soltanto le mancanze altrui.

Lavora per migliorarti, aumentare la concentrazione ed essere più ottimista: sarà tempo speso davvero bene!

8. Anno nuovo, lavoro nuovo?

Buoni propositi lavorativi per il 2021: perché non candidarsi per una nuova posizione?

Dopo un sostanzioso rallentamento nel 2020, il mercato del lavoro ricomincerà pian piano a girare. Se desideri crescere e cambiare un po’, inizia a fare un po’ di networking. Molto presto potresti portare nuove energie nella tua vita con una ventata di novità!

Post precedente

Storyteller: il professionista della narrazione d’impresa

Post successivo

Ente promotore di stage: cos'è e a chi rivolgersi per attivare un tirocinio

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *