candidatocurriculum vitaeLAVOROTIPS AZIENDE - HR E RECRUITING

Soft skills: le competenze che fanno la differenza in un processo di selezione

Negli ultimi tempi le aziende, che prima si concentravano principalmente sulle competenze tecniche per selezionare i candidati, hanno compreso l’importanza delle soft skills, che sono così diventate un elemento essenziale da inserire e valutare nel cv.

Cosa sono le soft skills?

Si sente sempre più spesso parlare di soft skills. Ma non è sempre chiaro di cosa si tratti.

Le soft skills, letteralmente “abilità leggere” o “dolci”, racchiudono tutte quelle competenze trasversali che esulano dall’ambito specifico delle mansioni professionali.

Si tratta di capacità di tipo relazionale e di qualità personali, complementari alle competenze tecniche (definite invece hard skills).

Le soft skills, quindi, permettono di completare la valutazione del profilo professionale di un candidato, rivelandosi un fattore determinante nel processo di selezione.

Ad esempio, nell’ottica di un aumento costante dell’interattività dei lavoratori e del lavoro di squadra, la collaborazione diventa un punto di forza imprescindibile per qualsiasi azienda.

In questo contesto, è sempre più diffusa la necessità di risorse che siano in grado di instaurare relazioni proficue e di entrare reciprocamente in sintonia per ottenere risultati migliori.

Tipologie di soft skills

È possibile identificare alcune categorie in cui racchiudere le soft skills principali:

  1. Cognitive

Sono comprese in questo gruppo tutte le abilità riguardanti le modalità di pensiero e l’approccio alle situazioni, lavorative e non.

Lo sono, ad esempio, l’attitudine al problem solving e le capacità di analisi e sintesi.

  1. Relazionali

Riguardano le capacità di interagire e instaurare rapporti con gli altri.

Sono alcuni esempi: le capacità di comunicazione e collaborazione, l’orientamento al cliente, le abilità di negoziazione, l’empatia.

Si sente anche molto parlare di intelligenza emotiva, competenza fondamentale e molto valorizzata dalle aziende, in quanto consente parallelamente di sviluppare la coscienza di se stessi le relazioni con i colleghi, dando luogo a un ambiente lavorativo sereno e agevolando la pianificazione aziendale.

Rientra tra le soft skills relazionali anche l’intelligenza culturale, importantissima per lavorare in contesti caratterizzati da una forte diversità e che promuovono l’inclusività.

  1. Realizzative

Includono le abilità legate alla messa in pratica di progetti e compiti assegnati.

Alcuni esempi: capacità di pianificazione e organizzazione, facoltà decisionali, gestione del tempo, spirito di iniziativa, autonomia, precisione.

  1. Manageriali

Sono le soft skills che dovrebbe possedere chi ricopre una carica dirigenziale, ma anche chi coordina una squadra di collaboratori ed è chiamato a fornire soluzioni per creare aggregazione e ottimizzare le performance di tutti.

Per citarne alcune: leadership, capacità di delega, abilità di motivazione e coordinamento dei collaboratori, autorevolezza, visione d’insieme, decision making.

  1. Trasversali

Ci sono, infine, alcune competenze di base che si delineano contestualmente ad altre di categorie differenti.

Sono alcuni esempi: la flessibilità, la capacità di gestire situazioni di stress, la creatività, l’attitudine all’aggiornamento, l’intraprendenza.

Quali sono le soft skills più ricercate dalle aziende (e quali dovrebbero cercare)?

Come per le hard skills, anche sulle soft skills non si può generalizzare: a ciascun profilo professionale corrispondono, necessariamente, competenze tecniche e trasversali più o meno attinenti.

Quando si apre una posizione in azienda, si provvede a definire quali siano le competenze da ricercare per poter ricoprire il ruolo in questione. Parallelamente alle competenze tecniche legate alla mansione da assegnare, alla formazione e all’esperienza del candidato, si dovrebbero individuare anche le abilità trasversali più consone al profilo professionale in questione.

A un addetto al customer care si richiederanno, ad esempio, abilità relazionali e orientamento al cliente, mentre a uno store manager saranno richieste qualità come la leadership e la capacità di motivare i collaboratori. Un analista programmatore dovrà possedere precisione e metodo e così via.

Tra le soft skills più ricercate dalle aziende compaiono alcuni Jolly: flessibilità, rapidità, organizzazione, propensione al lavoro di gruppo, multitasking.

Consigli a candidati e aziende

  • Se sei un candidato in cerca di lavoro

Dovresti valorizzare le tue “abilità leggere”, mettendole in evidenza all’interno del tuo curriculum. Il formato europeo per il cv, ad esempio, contempla un paragrafo destinato alle competenze personali e comunicative.

Non trascurare questa parte, al momento della selezione potrebbe rivelarsi fondamentale!

Anche durante il colloquio di lavoro, cerca di far emergere le tue capacità relazionali: il modo in cui interagisci con il datore di lavoro o con eventuali altre persone presenti, la dice lunga sulle tue soft skills!

  • Se stai cercando risorse per la tua azienda

Stila un elenco delle competenze trasversali del tuo candidato ideale, con l’obiettivo di delineare un profilo più dettagliato: puoi indicare queste caratteristiche anche nell’annuncio pubblicato online. In questo modo sarai in grado di rendere il processo di selezione più fluido e compiere una ricerca ancora più mirata.

Valutare le soft skills nel processo di selezione di un candidato richiede tempo ed energie. Avrai notato, però, che queste competenze sono fondamentali per mantenere nel tempo un buon equilibrio in azienda, una produttività alta e relazioni positive tra i dipendenti.

Nel caso in cui la tua ricerca sia rivolta a profili stage, l’aspetto delle soft skills si rivela particolarmente importante: se generalmente i candidati stagisti sono privi di esperienza a livello tecnico, possono però avere preziose competenze “leggere”, in grado di arricchire il capitale umano della tua azienda.

Inizia a investire sulla ricerca di candidati dotati di buone soft skills, anche se questo richiede uno sforzo maggiore: la tua azienda ne trarrà grande vantaggio in futuro!

 


CERCHI UNO STAGE O UN LAVORO?

Clicca qui per consultare tutte le nostre offerte di stage e lavoro.

CERCA LE OFFERTE


Articolo precedente

Garantire il work-life balance in azienda per avere dipendenti più felici e produttivi

Prossimo articolo

Questo è l'articolo più recente.

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.