LAVOROTIPS AZIENDE - HR E RECRUITING

Empatia: una competenza fondamentale per migliorare la vita in azienda

Quando si pensa al candidato ideale e alle skills indispensabili sul posto di lavoro, si considerano sempre competenze inflazionate come la flessibilità e il problem solving, ma spesso si sottovaluta l’empatia in azienda.

Si tratta invece di una caratteristica fondamentale, che può avere effetti molto positivi sul team di lavoro e sull’impresa. Un ambiente lavorativo in cui la connessione emotiva è molto forte assicura una buona collaborazione e addirittura un buono stato di salute per i dipendenti.

Indice:

Cos’è l’empatia

L’empatia, strettamente connessa all’intelligenza emotiva, è un’abilità sociale molto importante, che si colloca alla base di una comunicazione efficace e di relazioni, sia personali che professionali, equilibrate e gratificanti.

Il termine deriva dal greco “en-pathos”, che significa letteralmente “sentire dentro”: l’empatia consente di percepire le emozioni e gli stati d’animo degli altri come se fossero propri e quindi di mettersi nei panni delle altre persone.

Si manifesta con un ascolto attivo e una comprensione profonda di interlocutori anche molto diversi, permette di uscire dagli schemi mentali e di accogliere apertamente anche punti di vista molto diversi.

L’empatia in azienda può rappresentare una risorsa molto importante, che però deve essere gestita correttamente, in quanto anche un’eccessiva sensibilità può creare qualche disagio.

Quali sono i vantaggi che l’empatia porta al business?

L’empatia è una delle principali soft skills considerate determinanti per un successo in ambito professionale.

La vita in azienda è sempre fatta di relazioni e interazioni personali, che ovviamente sono connotate da una forte componente emotiva.

L’empatia in azienda permette di migliorare le relazioni tra colleghi, ma anche con i superiori o i dipendenti, con i clienti e con i fornitori. In definitiva, quindi, più empatia sul posto di lavoro genera relazioni più solide, una miglior collaborazione e quindi una maggiore produttività.

Vediamo di seguito i vantaggi che l’empatia in azienda può portare al business:

1) Opportunità e innovazione

L’empatia in azienda aiuta a scoprire e mettere a confronto punti di vista diversi e talvolta può portare a soluzioni innovative per l’impresa.

Questo vale sia internamente quanto nei rapporti esterni, ad esempio per avviare partnership strategiche con altre aziende e ampliare le opportunità di crescere sul mercato.

2) Più produttività

Una miglior comunicazione, conquistata attraverso l’empatia in azienda, costituisce la base per ottenere creare un team affiatato, alimentare la motivazione dei dipendenti, la proattività e in definitiva anche la produttività.

È provato che la maggior parte dei professionisti lavorerebbe volentieri in un’azienda che dimostra empatia e attenzione per i dipendenti e che avere un capo empatico e comprensivo è considerato stimolante per svolgere un lavoro migliore ed eventualmente trattenersi qualche ora in più in ufficio.

3) Strumento di marketing

L’empatia in azienda non è determinante solo per le relazioni interne, ma anche per comprendere il target a cui ci si rivolge e quindi ottenere relazioni con l’esterno e contatti commerciali più efficaci.

Secondo studi americani, la maggior parte dei consumatori dichiara di evitare l’acquisto di prodotti o servizi da un’azienda percepita come scarsamente empatica.

Ecco quindi che l’empatia si può rivelare anche un ottimo strumento di marketing, fortemente giocato su una componente emozionale in grado di condizionare il comportamento dei potenziali clienti.

Per convincere un potenziale acquirente (e poi fidelizzarlo) occorre cogliere la domanda di mercato, entrare in sintonia con le necessità e le emozioni dei clienti per offrire un’esperienza emotiva positiva.

Consigli per una migliore empatia in azienda

L’empatia non è una dote di tutti, ma anche le soft skills si possono acquisire o potenziare. Ecco qualche buon suggerimento per sviluppare una maggiore empatia, lavorare meglio e avere relazioni migliori con i dipendenti, i colleghi e gli stakeholders interni ed esterni:

  • Concedere riconoscimenti in base al merito

Dare il giusto valore ai dipendenti o ai colleghi crea un rapporto meno formale e più gratificante e favorisce lo sviluppo di una buona empatia in azienda.

È un atteggiamento molto positivo anche incoraggiare gli altri e mostrarsi comprensivi di fronte a un errore. Errare è umano, capita a tutti, offrendo comprensione si riceverà lo stesso trattamento quando necessario.

  • Chiamare i colleghi per nome

Anche rivolgersi alle persone chiamandole con il proprio nome consente di rendere meno formali i rapporti e di creare più familiarità e più confidenza.

  • Superare i convenevoli

Andare oltre gli scambi superficiali e affrontare con i colleghi temi più personali e profondi aiuta ad acquisire confidenza e a cementare i rapporti facendo leva sull’empatia in azienda.

  • Aprirsi a imparare cose nuove

L’apprendimento di nuove nozioni aiuta a mettersi in gioco e uscire dai propri schemi, aprendosi al confronto e a un approccio più empatico.

  • Chiedere feedback

Anche accogliere il punto di vista di altre persone può aiutare a potenziare l’empatia in azienda, mettendosi in discussione e provando a sentire le cose con i filtri applicati dagli altri.

Soprattutto se si ricopre un ruolo di responsabilità al lavoro, è bene dare a tutti l’opportunità di esprimersi liberamente.

  • Fare autocritica

Per favorire un buon rapporto con i colleghi bisogna anche essere disposti a individuare e ammettere i propri punti deboli.

  • Fare domande e ascoltare

La comunicazione empatica implica anche la ricerca attiva di una connessione con gli altri: fare domande per coltivare la curiosità e ascoltare attentamente le risposte può aiutare a crescere, sia personalmente che professionalmente.

  • Sorridere

È importantissimo portare positività al team: lasciare i pensieri negativi fuori dal lavoro, sorridere e sforzarsi di mostrare il proprio lato migliore per influenzare positivamente non solo gli altri ma anche se stessi.

  • Mostrare pazienza e calma

Dimostrando solidarietà, disponibilità, calma e pazienza sarà più facile conquistare la fiducia di colleghi e dipendenti.

Bisognerebbe sempre evitare di arrabbiarsi, in quanto la rabbia genera distanza e incomprensioni, ostacolando l’empatia in azienda e logorando i rapporti con le altre persone.


CERCHI CANDIDATI PER LA TUA AZIENDA?

Affidaci le tue selezioni, troveremo la persona che cerchi.

PER SAPERNE DI PIÙ


Articolo precedente

Inserire uno stagista in azienda: tutte le informazioni utili

Prossimo articolo

7 cose da fare in estate per arricchire il CV

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.