LAVOROTIPS AZIENDE - HR E RECRUITING

15 consigli per essere più sostenibili in ufficio

Basta davvero poco per essere sostenibili in ufficio!

Sempre più aziende hanno portato l’attenzione sull’aspetto ecologico, sensibilizzando anche i propri dipendenti verso un utilizzo più responsabile di luoghi e strumenti di lavoro.

Alcune imprese, basti pensare agli investimenti delle più grandi B-Corp, si sono addirittura dotate di pannelli solari, finestre smart e impianti di illuminazione ad hoc per ottimizzare l’isolamento termico e il consumo energetico, ma la sostenibilità parte innanzitutto dai comportamenti di chi l’ufficio lo vive.

Piccoli gesti quotidiani possono dare un grande contributo alla riduzione dell’impatto ambientale e aiutare l’impresa ad essere più green.

Ecco quindi 15 suggerimenti per essere sostenibili in ufficio:

1. Addio alle cattive abitudini

La prima cosa da fare per essere sostenibili in ufficio è scardinare i vecchi schemi sbagliati, quelli che portavano allo spreco e generavano circoli tutt’altro che virtuosi.

Quindi occorre innanzitutto fermarsi un attimo a riflettere, analizzare i comportamenti da eliminare e individuare nuove buone abitudini da mettere in pratica.

2. Ridurre l’uso della stampante

Ai primi posti nella classifica delle abitudini che dovremmo considerare obsolete è sicuramente un utilizzo sconsiderato e inconsapevole della stampante.

Con la costante evoluzione tecnologica, ormai quasi tutti i processi si possono svolgere digitalmente, archiviazione compresa. Si dovrebbe quindi rinunciare alla stampa dei documenti, scegliendo modalità digitali alternative per il salvataggio e la condivisione di documenti, relazioni, presentazioni e email.

3. Utilizzare carta riciclata

Se proprio non si può fare a meno di stampare, è bene scegliere di utilizzare carta riciclata e certificata Ecolabel, optare per una stampa in fronte-retro in bianco e nero e in modalità veloce a risparmio di inchiostro, ridimensionando il più possibile i testi e le immagini per limitare il consumo di carta.

Le vecchie stampe o le bozze di presentazioni e documenti aziendali possono essere utilizzate sul retro per prendere appunti o per altri utilizzi, in modo tale da ridurre gli sprechi.

4. Differenziare

Se ci si impegna a fare la raccolta differenziata a casa, perché non farla anche in ufficio?

Quasi tutte le aziende sono ormai dotate di appositi contenitori per la raccolta differenziata. Qualora non lo fossero, si dovrebbe pensare di proporla al datore di lavoro per avere un luogo di lavoro più green ed essere più sostenibili.

5. Usare contenitori riciclabili per il pranzo

Stop ai contenitori usa e getta! Durante la pausa pranzo o i break di metà mattinata e pomeriggio si possono sostituire piatti, bicchieri, tazzine e tazze di plastica con stoviglie di ceramica o vetro che ognuno può portare da casa (o che l’azienda può acquistare per fare un investimento green).

Anche per i contenitori del pranzo, meglio scegliere quelli prodotti con materiali riciclabili o meglio ancora in vetro, che sono più pesanti ma si possono riutilizzare e garantiscono un’igiene maggiore.

6. Scegliere le buste di tessuto

Anche l’utilizzo delle buste di plastica gradualmente è stato bandito, ma le buste compostabili non sempre sono un’alternativa, in quanto poco resistenti.

Una buona soluzione, non solo per fare la spesa ma anche per portare il pranzo in ufficio, è utilizzare buste di tela o tessuto, che possono essere lavate e riutilizzate e sono più robuste.

Se non c’è un frigorifero in azienda, anziché comprare il pranzo da asporto o uscire ogni giorno a mangiare, si può utilizzare una borsa frigo: conserva gli alimenti ed è utilizzabile più volte.

7. Usare borracce plastic free

Una buona abitudine da consolidare per essere più green in ufficio riguarda l’utilizzo di borracce per il consumo di acqua sul posto di lavoro.

Spesso le grandi aziende mettono a disposizione dei dipendenti non solo i distributori di snack e bevande, ma anche boccioni o depuratori d’acqua. In questo caso l’acquisto di borracce in acciaio o vetro è una soluzione valida, che a volte viene addirittura finanziata dai datori di lavoro per ridurre gli sprechi e ottimizzare i costi.

8. Utilizzare detergenti ecologici

Altro consiglio per essere più sostenibili in ufficio: è una buona abitudine acquistare prodotti biodegradabili ed ecosostenibili per la pulizia degli spazi di lavoro, in modo tale da ridurre l’impatto ambientale.

9. Spegnimento e stand by del pc

Spesso si sottovaluta il consumo dei pc in stand by, ma per essere sostenibili in ufficio bisognerebbe farci più attenzione.

Sul lungo termine, un uso corretto di computer, monitor e altri device, può portare a un notevole risparmio in termini energetici.

È una buona abitudine spegnere il pc quando non si utilizza per diverse ore e settare almeno le impostazioni di stand by per lo spegnimento del monitor quando il computer non è in uso.

10. Digital memo

La tecnologia offre molti strumenti utili, anche per essere più sostenibili in ufficio! Ad esempio, i post-it non sono il modo più ecologico per ricordarsi le cose, sarebbe meglio optare per agende digitali, calendari condivisi online e altri metodi alternativi più green.

11. Ridurre l’uso della carta in bagno

L’ideale sarebbe che le aziende si dotassero di asciugamani elettrici ad aria calda, che permettono di evitare gli sprechi di carta.

Nel caso in cui ancora in ufficio fossero presenti i dispenser di fazzoletti di carta, per essere più green si dovrebbe incoraggiare la scelta di carta riciclata e imparare a farne un uso ridotto, utilizzando solo quanti fogli di carta sono realmente necessari.

12. Scegliere soluzioni ecologiche per andare a lavorare

Anche la scelta del mezzo che ci porta al lavoro si può considerare una via per essere sostenibili in ufficio. Molte persone spesso utilizzano l’automobile, ma rinunciare all’auto porterebbe a una notevole riduzione dell’inquinamento (nonché del traffico).

Per i più sportivi la soluzione è sicuramente la bicicletta, mezzo ecologico che consente anche di fare attività fisica. Nei paesi scandinavi è ormai un must.

Molte città hanno introdotto per il trasporto pubblico mezzi ecologici, meno inquinanti, che costituiscono una valida alternativa alla macchina.

Un’altra soluzione potrebbe essere organizzarsi con i colleghi che abitano vicino per andare in ufficio con un’unica auto, ridurre gli sprechi e creare anche dei momenti per socializzare e rafforzare il team.

13. Usare con parsimonia il riscaldamento e l’aria condizionata

L’utilizzo dei condizionatori per riscaldare e rinfrescare gli uffici è una delle principali cause di inquinamento, nonché rappresenta una notevole spesa per l’azienda.

È bene ridurre l’utilizzo dei climatizzatori al minimo indispensabile, sia d’estate che d’inverno, effettuare spesso la pulizia dei filtri e impostare il termostato senza esagerare.

14. Smart working

Ovviamente anche lavorare da casa può aiutare ad essere più sostenibili in ufficio!

In primis la riduzione dell’inquinamento prodotto dagli spostamenti da e verso il luogo di lavoro, ma lo smart working presenta anche molti altri vantaggi legati alla sostenibilità e può ridurre drasticamente, almeno per un giorno a settimana, tutte le problematiche elencate nei punti precedenti.

15. Sensibilizzare e coinvolgere

Per le aziende più green, la comunicazione interna può essere una risorsa preziosa per diffondere la cultura della sostenibilità e incoraggiare i propri dipendenti.

Anche il dialogo tra colleghi può produrre un circolo virtuoso: consigliare al vicino di scrivania di stampare meno o di spegnere il pc al termine della giornata può contribuire a migliorare il livello di compliance e aiutare ad essere più sostenibili in ufficio.

Green Office Day

Il 07 giugno si festeggia il #GreenOfficeDay, giornata per celebrare la sostenibilità e sensibilizzare le aziende sul tema; una buona occasione per diffondere le pratiche green da attuare quotidianamente per ridurre l’impatto ambientale e costruire tutti insieme un mondo migliore.

 

Leggi anche il nostro articolo sullo Swap in azienda: un modo sostenibile per riciclare i capi di abbigliamento attraverso lo scambio tra colleghi.

Post precedente

Scrivere il cv: come presentarsi alle aziende

Post successivo

Primo lavoro: come trovarlo in 5 mosse

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *