candidatocolloquio di lavoroLAVORO

Secondo colloquio? 5 consigli per fare bella figura

Il secondo colloquio di lavoro è davvero molto importante se partecipi a un processo di selezione, perché la prima impressione conta, ma la seconda è spesso decisiva!

Se il recruiting è gestito da un’Agenzia per il Lavoro, potresti essere convocato per un secondo incontro con loro, oppure per un colloquio con l’azienda che ha commissionato la selezione. In ogni caso significa che hai fatto una buona impressione e che vogliono indagare se sei davvero idoneo per la posizione aperta.

Non farti trovare impreparato! In questo articolo ti daremo tutte le informazioni che ti serviranno per affrontare al meglio questa esperienza.

Cosa cambia rispetto al primo colloquio?

Mentre il primo colloquio viene generalmente utilizzato per testare le competenze di base indicate sul cv e per farsi un’idea della personalità del candidato, il secondo colloquio di lavoro ha lo scopo di approfondire ulteriormente la conoscenza, indagare lo stile di lavoro, le competenze tecniche, le soft skills e in definitiva capire cosa può distinguere il candidato in esame dagli altri.

Probabilmente il secondo colloquio si svolgerà con un recruiter diverso o, nel caso abbia luogo in azienda, con una persona del team con cui il candidato dovrebbe lavorare. A volte al candidato viene anche richiesto di fornire una presentazione o una relazione scritta per metterlo alla prova.

Quali che siano le variabili nel secondo colloquio, dovrai essere ancora più preparato di quanto non fossi per il primo, quindi mettiti subito all’opera!

Consigli per prepararsi al secondo colloquio di lavoro

È fondamentale prepararsi per qualsiasi colloquio, ma il secondo colloquio di lavoro in particolare richiede una buona preparazione pratica e psicologica.

Ecco qualche consiglio.

  1. Non dare per scontato che il posto sia tuo

Il secondo colloquio di lavoro è riservato a pochi eletti, ma non peccare di presunzione e non pensare di avere il posto in pugno!

Resta umile, non sprecare l’occasione e affronta l’incontro con la consapevolezza di dover realizzare una performance ancora migliore rispetto al primo colloquio.

  1. Approfondisci le ricerche sull’azienda

Fai tutte le ricerche possibili per dimostrare di aver studiato e di essere compatibile con il quadro valoriale e professionale dell’organizzazione.

Esamina a fondo le pagine LinkedIn, il sito, eventuali rassegne stampa e attività di comunicazione dell’azienda per essere al corrente delle ultime novità.

Informati anche sugli sviluppi del settore in cui l’azienda opera, per dimostrare un forte interesse verso la possibilità di entrare nell’ambiente.

  1. Ripercorri i passaggi del primo colloquio

Per arrivare preparato al secondo colloquio di lavoro, fai mente locale su quanto discusso durante il primo.

Sarà importante innanzitutto ricordare le risposte date per restare coerente durante il secondo incontro, ma anche identificare i temi che non sono stati trattati e che potrebbero emergere per arrivare preparati.

Fai mente locale anche sull’abbigliamento dei recruiter al primo colloquio, in modo tale da individuare un possibile dress code aziendale e decidere cosa indossare per il secondo incontro. Leggi il nostro articolo che parla di come vestirsi per una job interview.

Ripercorri i momenti salienti del primo colloquio per cercare di governare la comunicazione non verbale e utilizzare il linguaggio del corpo come un alleato anziché farti tradire da gesti e atteggiamenti inconsapevoli.

  1. Informati sulle modalità del secondo colloquio

Il secondo colloquio di lavoro sarà probabilmente più lungo del primo, incontrerai persone diverse e probabilmente più di un recruiter. Potrebbero sottoporti a prove aggiuntive o a prove psico-attitudinali con uno psicologo, sicuramente ti faranno domande molto dettagliate sulle funzioni tipiche della posizione per cui ti sei candidato.

Potresti provare a contattare il selezionatore con cui hai fissato il colloquio e cercare di carpire qualche informazione sulla modalità di svolgimento, per sapere cosa aspettarti e prepararti meglio.

Informati se l’incontro si svolgerà dal vivo o se sarà una call da remoto. Se vuoi qualche consiglio puoi leggere ad esempio il nostro articolo sul colloquio di lavoro in Skype.

Comincia anche a pensare alle domande da fare al colloquio, è importantissimo dimostrare di essere attivi e interessati.

  1. Ringrazia per l’opportunità

Che tu venga scelto o meno, è opportuno ringraziare sempre per averti tenuto in considerazione.

Qualora scegliessero un altro candidato, potrebbero comunque ricordarsi del tuo profilo per altre selezioni analoghe, quindi meglio lasciare un buon ricordo e concludere l’esperienza con energie positive e di apertura.


CERCHI UNO STAGE O UN LAVORO?

Clicca qui per consultare tutte le nostre offerte di stage e lavoro.

CERCA LE OFFERTE


Post precedente

Stage Regione Lombardia: come inserire uno stagista nella tua azienda

Post successivo

8 buoni propositi lavorativi per il 2022

Ancora nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *