dote unica lavoro

Dote Unica Lavoro: cos’è e come funziona

Cos’è Dote Unica Lavoro

Dote Unica Lavoro è un’iniziativa di Regione Lombardia, che si propone come Programma di finanziamento regionale per la formazione e i servizi al lavoro.

Si tratta di uno strumento orientato a favorire l’occupazione, mediante l’offerta di servizi personalizzati per l’inserimento o il re-inserimento nel mondo lavorativo.

Dote Unica Lavoro individua 5 fasce di intensità di aiuto, a ciascuna delle quali corrisponde un budget assegnato (Dote) di valore proporzionale.

Le fasce di intensità e il valore delle Doti associate sono calcolate in base ad alcuni fattori, quali: la distanza dal mercato del lavoro, il genere, l’età e il titolo di studio dei candidati.

Attraverso questo sistema, quindi, Regione Lombardia offre alla persona un aiuto proporzionato alle sue difficoltà di inserimento o re-inserimento nel mondo del lavoro.

A chi si rivolge Dote Unica Lavoro

Si rivolge alle seguenti categorie:

  1. giovani disoccupati tra i 15 e i 29 anni, residenti o domiciliati in Lombardia che abbiano già usufruito del programma Garanzia Giovani
  2. over 30 residenti o domiciliati in Lombardia, con uno dei seguenti requisiti:
    • disoccupati iscritti alle liste di disoccupazione
    • iscritti o in attesa di iscrizione alle liste di mobilità ordinaria
    • percettori di NASPI o di altre indennità
  3. occupati da 16 anni in su che siano stati sospesi da aziende ubicate in Lombardia, cassaintegrati, oppure iscritti a un Master universitario di I° e II° livello, militari congedandi dell’Esercito o personale delle Forze dell’Ordine operante sul territorio lombardo e facente capo ai relativi Comandi Regionali o analoghe strutture di riferimento.

Il Piano Dote Unica Lavoro introduce anche un Progetto di Inserimento Lavorativo (PIL), finalizzato all’assegnazione di un “reddito di autonomia” ai disoccupati che si trovano in situazioni di particolare difficoltà economica.

Il contributo può ammontare a un massimo di 1.800 euro nell’arco di un periodo di 6 mesi ed è destinato a residenti o domiciliati in Lombardia, che si trovino in uno stato di disoccupazione da più di 36 mesi, con un ISEE fino a 20.000 €, che non percepiscano integrazioni di reddito e che abbiano ovviamente aderito al Programma DUL.

> Leggi anche l’articolo approfondito su tutti i servizi di Dote Unica Lavoro rivolti ai candidati.

Che vantaggio hanno le aziende

Dote Unica Lavoro non prevede incentivi alle aziende.

Tuttavia, le risorse inserite dalle aziende mediante l’adesione al Programma Dote Unica Lavoro, potranno beneficiare di un piano di intervento personalizzato e gratuito, che comprende un’ampia gamma di servizi, tra cui:

  • bilancio e certificazione delle competenze
  • analisi delle propensioni e delle attitudini all’imprenditorialità
  • orientamento professionale e formazione mirata, in partenariato con Enti di Formazione
  • coaching e tutoring

La durata del piano dipende dall’entità della fascia di aiuto a cui la risorsa è stata associata.

La Dote assegnata al candidato è un plusvalore anche per l’azienda che lo assume, in quanto il Programma è mirato a formare risorse qualificate, con una rosa di servizi che ne potenziano la consapevolezza e le competenze professionali.

Attraverso il sistema informativo regionale, accompagneremo il tuo candidato passo per passo nella definizione di un Piano di Intervento Personalizzato, nella presentazione della domanda alla Regione e in tutte le fasi successive.


SEI INTERESSATO AI VANTAGGI DI DOTE UNICA LAVORO?

Contattaci per avere maggiori informazioni.

PER SAPERNE DI PIÙ


Post precedente

8 consigli per affrontare uno stage

Post successivo

Stage: cosa dovresti sapere prima di iniziare

42 Commenti

  1. Lina Vilardo
    10/10/2016 at 1:09 pm — Rispondi

    Buongiorno,
    mio figlio Marco non ha avuto nessun vantaggio.
    il vantaggio lo ha avuto l’agenzia interinale e l’azienda.

    Lo hanno fatto lavorare due mesi, poi non gli hanno rinnovato il contratto.

    • 11/10/2016 at 10:21 am — Rispondi

      Buongiorno,
      la Dote Unica Lavoro è un percorso individuale che ha come obiettivo quello di favorire l’occupazione grazie a servizi di formazione personalizzata. La Dote non prevede incentivi per le aziende ma consente loro di assumere risorse qualificate mediante un’ampia gamma di servizi, come l’orientamento professionale o il coaching e il tutoring.
      Ci spiace molto che suo figlio non sia stato riconfermato dall’azienda, è importante in questi casi considerare questo percorso come un’esperienza formativa utile per fare il punto sulle proprie competenze, attitudini ed aspirazioni professionali.
      Auguriamo a suo figlio un grande in bocca al lupo, lo staff FourStars.

  2. GIOVANNA
    22/10/2016 at 6:21 am — Rispondi

    Buongiorno, io ho finito ad agosto il corso di formazione e non mi é stato retribuito nulla! Mi hanno spiegato che siccome ho iniziato il corso a dicembre e continuato nel 2016 il portale di dicembre é bloccato , ed ora mi chiedo li avró mai quei soldi? Grazie e buona giornata!

    • 24/10/2016 at 12:48 pm — Rispondi

      Buongiorno Giovanna,
      lei si riferisce al Progetto di Inserimento Lavorativo – PIL per le politiche attive del lavoro che FourStars non segue al momento.
      Possiamo dirle però, che è probabile che il portale di Regione Lombardia abbia subito dei blocchi che abbiano poi rallentato le procedure. Le consigliamo perciò di avere solo un po’ di pazienza, riceverà appena possibile il contributo economico che le spetta.
      Lo staff FourStars

  3. Marcello Delussu
    13/02/2017 at 11:13 am — Rispondi

    Salve sono un perito elettrotecnico che per cause di forza maggiore ha imparato il lavoro di tornitore e programmatore cnc ora mi ritrovo disoccupato e vorrei approfondire le mie competenze imparando il cad-cam, cercando un’azienda che mi fornisca gli strumenti per realizzare questo obiettivo. E’ possibile fare questa richiesta ad una ag.interinale? oppure a chi la devo fare?

    • 14/02/2017 at 10:44 am — Rispondi

      Buongiorno Marcello,
      le consigliamo l’iniziativa Dote Unica Lavoro di Regione Lombardia, uno strumento orientato a favorire l’occupazione, mediante l’offerta di servizi personalizzati per l’inserimento o il re-inserimento nel mondo lavorativo. Il programma è mirato a formare risorse qualificate, con una rosa di servizi che ne potenziano la consapevolezza e le competenze professionali.
      Sul sito di Regione Lombardia (https://gefo.servizirl.it/dote) può cercare il percorso di formazione in linea con le sue esigenze e contattare l’Operatore accreditato (può essere anche un’agenzia interinale). Verifichi inoltre se i corsi specifici erogati sono a titolo gratuito o eventualmente a pagamento.

      In bocca al lupo,
      FourStars

  4. 03/05/2017 at 2:38 pm — Rispondi

    Buongiorno,
    la Dote Unica Lavoro è l’iniziativa di Regione Lombardia che nasce come strumento orientato a favorire l’occupazione, mediante l’offerta di servizi personalizzati per l’inserimento o il re-inserimento nel mondo lavorativo. Il Programma presuppone, tra i servizi previsti, l’invio di profili a realtà che possono essere interessate all’inserimento di risorse in azienda.
    In bocca al lupo!

  5. Diakite
    07/06/2017 at 4:36 pm — Rispondi

    Buonasera io sono disoccupato e un agenzia mi ha contattato e devo firmare un contratto di un mesi e loro mi hanno dette prima di firmare devo portare i documenti per il dote unico lavoro voglio sapere che cos’è e les mie vantaggi grazie

    • 08/06/2017 at 9:37 am — Rispondi

      Buongiorno Diakite,
      Dote Unica Lavoro è un Programma di finanziamento regionale per la formazione e i servizi al lavoro, orientato a favorire l’occupazione.
      Grazie a Dote Unica lavoro lei potrà usufruire di servizi personalizzati per l’inserimento nel mondo lavorativo.
      Può trovare ulteriori informazioni all’interno dell’articolo o chiedere direttamente all’agenzia che l’ha contattata.
      Nel frattempo le facciamo un grande in bocca al lupo,
      a presto.
      FourStars

  6. Sara
    16/06/2017 at 6:07 pm — Rispondi

    Ciao. L’Adecco con il quale ho lavorato fino a gennaio per circa un’anno e mezzo mi ha chiamato a febbraio per attivarmi la dote unica lavoro. Adesso un’altro filiale (sempre della provincia) mi ha chiamato per un colloquio e tutto è andato bene. Dovrei iniziare a breve per un periodo sconosciuto (massimo un’anno non di più).
    Nel frattempo oggi ho ricevuto una chiamata da un’altro filiale sempre in provincia (capoluogo questa volta) in cui mi hanno detto che dovrei andare da loro per attivare un’altra dote unica. Cosa devo fare in questo caso? Grazie

    • 19/06/2017 at 9:13 am — Rispondi

      Buongiorno Sara, per quanto riguarda l’attivazione della Dote Unica Lavoro, è sempre opportuno affidarsi a una realtà che sia vicino alla zona dove si cerca lavoro e che possa fornirle strumenti e contatti utili per il settore lavorativo di suo interesse. Può tenere presente questi elementi nello scegliere con quale agenzia attivare la prossima dote. La durata massima di una dote è di 6 mesi, per cui se ha aperto una dote a febbraio si concluderà automaticamente lo stesso giorno di giugno.

  7. 16/09/2017 at 1:41 pm — Rispondi

    Ciao sono Milena dalla provincia di Brescia volevo sapere come funziona la dote di lavoro. Da venerdì prossimo inizio i corsi ma cosa sono sicura che questi soldi arrivano alla fine dei 6 mesi? E dai corsi che ho fatto mi sono utili al serimento lavoro? Grazie

    • 18/09/2017 at 12:16 pm — Rispondi

      Buongiorno Milena,
      la Dote alla quale è iscritta prevede un Progetto di Inserimento Lavorativo (PIL), finalizzato all’assegnazione di un “reddito di autonomia”, ovvero un contributo economico per i disoccupati che partecipano alle attività di orientamento e formazione di Dote Unica Lavoro e che si trovano in situazione di particolare difficoltà economica.
      Il contributo può ammontare a un massimo di 1.800 euro nell’arco di un periodo di 6 mesi ed è destinato a residenti o domiciliati in Lombardia, che si trovino in uno stato di disoccupazione da più di 36 mesi, con un ISEE fino a 20.000 €, che non percepiscano integrazioni di reddito e che abbiano ovviamente aderito al Programma DUL.
      L’ammontare del PIL viene calcolato in base alle attività effettivamente frequentate dalla persona e viene erogato al termine della Dote (che in Fascia 3PLUS ha una durata di 6 mesi). Ovviamente sono tutti corsi che hanno proprio lo scopo di favorire e facilitare l’inserimento e/o il reinserimento della persona nel mercato del lavoro.
      Speriamo di avere chiarito i suoi dubbi. A presto!

  8. 20/10/2017 at 11:37 am — Rispondi

    Salve sono Nicoletta,volevo capire come funziona la dote unica lavoro.E io essendo disoccupata ,la atti vero presso una filiale .posso percepire Pil e clme gunziona?e dove richiedo i soldi.grazie
    Nicoletta attendo risposta grazie vorrei maggior informazioni sui sussidi

    • 24/10/2017 at 10:20 am — Rispondi

      Buongiorno Nicoletta,
      Dote Unica Lavoro è un Programma di finanziamento Regionale per la formazione e i servizi al lavoro che dà ai cittadini la possibilità di essere accompagnati all’inserimento o al re-inserimento lavorativo, attraverso l’accesso a un percorso gratuito e altamente personalizzato in base alle necessità e difficoltà occupazionali di ciascuno. Per poter accedere al programma è necessario essere presi in carico da un ente accreditato ai servizi al lavoro in Regione Lombardia (l’elenco degli enti è consultabile qui http://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioServizio/servizi-e-informazioni/Cittadini/Lavoro-e-formazione-professionale/Dote-Unica-Lavoro/elenco-operatori-dote-unica-garanzia-giovani/operatori-dote-unica-garanzia-giovani).

      L’attivazione di una Dote in Fascia 3 PLUS prevede un Progetto di Inserimento Lavorativo (PIL), ovvero un contributo economico per i disoccupati che partecipano alle attività di orientamento e formazione di Dote Unica Lavoro e che si trovano in situazione di particolare difficoltà economica. Il contributo può ammontare a un massimo di 1.800 euro nell’arco di un periodo di 6 mesi ed è destinato a residenti o domiciliati in Lombardia, che si trovino in uno stato di disoccupazione da più di 36 mesi, con un ISEE fino a 20.000 €, che non percepiscano integrazioni di reddito e che abbiano ovviamente aderito al Programma DUL. L’ammontare del PIL viene calcolato in base alle attività effettivamente frequentate dalla persona e viene erogato all’utente, direttamente dall’operatore che lo ha preso in carico, al termine della Dote (che in Fascia 3PLUS ha una durata di 6 mesi).

      Se hai bisogno di ulteriori informazioni, ci può contattare al numero 02 48 100 694.
      A presto!

  9. Marisa
    23/11/2017 at 9:51 am — Rispondi

    Buongiorno sono Marisa, ieri ho fatto il colloquio e relativa iscrizione alla dote unica lavoro. Già da lunedì comincio il corso x operatore servizi mensa della durata di 100 ore. Avrei bisogno di alcuni chiarimenti….Vorrei sapere se il corso è totalmente gratuito (lo chiedo perché tornata a casa, rileggendo bene i documenti, ho visto delle cifre sotto la voce “valorizzazione”. E poi se avrò diritto all’erogazione della dote (soldi) e quando. Mi scusi per le domande poco chiare ma sono totalmente ignorante in merito di questa dote. Grazie.

    • 24/11/2017 at 2:12 pm — Rispondi

      Buongiorno Marisa,
      i servizi di Dote Unica Lavoro sono totalmente gratuiti per i destinatari, l’importo che ha visto è la cifra che verrà rimborsata all’operatore per l’erogazione dei servizi.
      La persona ha diritto al PIL (un contributo economico per i disoccupati che partecipano alle attività di Dote Unica Lavoro e che si trovano in situazione di particolare difficoltà economica) soltanto se è stata attivata una Dote in fascia 3PLUS.
      I requisiti per poter attivare una Dote in fascia 3plus sono: essere residenti o domiciliati in Lombardia, trovarsi in uno stato di disoccupazione da più di 36 mesi, con un ISEE fino a 20.000€ e non percepire integrazioni di reddito. L’ammontare del PIL viene calcolato in base alle attività effettivamente frequentate dalla persona e viene erogato all’utente, direttamente dall’operatore che lo ha preso in carico, al termine della Dote (che in Fascia 3PLUS ha una durata di 6 mesi). Dovrebbe verificare con l’operatore che l’ha presa in carico la tipologia di Dote attivata.
      Se hai bisogno di ulteriori informazioni, ci può contattare al numero 02 48 100 694.
      A presto!

  10. Barbara
    24/11/2017 at 7:54 am — Rispondi

    Salve. Ho usufruito della dote unica lavoro quest’anno ho finito il corso di assistente familiare in giugno 2017 e sono ancora disoccupata. A gennaio 2018 vorrei partecipare ad un altro corso di magazziniere, è possibile accedervi?
    Grazie.

    • 24/11/2017 at 2:09 pm — Rispondi

      Buongiorno Barbara,
      può attivare una nuova Dote ma può partecipare ad un altro corso soltanto se ha ancora budget disponibile per la formazione. Dovrebbe verificare la situazione con l’operatore presso cui è interessata ad attivare il nuovo corso.
      Se hai bisogno di ulteriori informazioni, ci può contattare al numero 02 48 100 694.
      A presto!

  11. Ikbel
    12/01/2018 at 2:40 pm — Rispondi

    Buongiorno ,vorrei sapere ogni quanto si può attivare la dote unica lavoro

    • 15/01/2018 at 9:35 am — Rispondi

      Buongiorno,
      attualmente si possono attivare fino a un massimo di tre percorsi di Dote Unica Lavoro. Un nuovo percorso di Dote può essere attivato anche subito dopo la conclusione della Dote precedente, purchè permanga il possesso dei requisiti necessari.
      Se ha bisogno di ulteriori informazioni, ci può contattare al numero 02 48 100 694.
      A presto!

  12. Antonella Rusconi
    14/02/2018 at 3:58 pm — Rispondi

    Buonasera
    Scrivo a voi perché non riesco a trovare risposte alle mie domande, spero che possiate chiarire i miei dubbi:
    1. in quanto percettore Naspi devo firmare un PSP con una agenzia
    autorizzata. Cosa mi obbliga a fare il PSP? Di adempiere solo alla parte servizi o anche alla parte di formazione?
    2. Qual è il monteore della parte servizi? Mi hanno detto circa 40, chi lo decide?
    3. Il PSP, in teoria, prevede servizi personalizzati, ma sto capendo che la personalizzazione non esiste perché i servizi sono sempre gli stessi proposti a tutti i tipi di profili. Poiché io sono un profilo alto, sia a livello di istruzione sia a livello di esperienza, non mi serve che la tutor mi scriva il CV perché sono anni che scrivo i miei CV in inglese e in italiano. Infatti trovo lavoro all’estero e non in Italia. Esistono dei programmi per profili alti? E se non esistono, perché devo sottopormi a colloqui infruttuosi? Non sarebbe meglio fare in modo che le agenzie per il lavoro svolgessero l’unico servizio utile nel mio caso ovvero ricerca e selezione personale?
    In pratica ho capito che questo sistema non mi può aiutare a ricollocarmi, dunque vorrei continuare a cercare lavoro con le mie risorse anziché perdere tempo in agenzia e far perdere tempo a tutor che possono invece aiutare persone in difficoltà.
    Grazie.

    • 15/02/2018 at 12:06 pm — Rispondi

      Buongiorno Antonella,
      il Patto di Servizio Personalizzato (PSP) è il primo documento di attivazione e di impegno della persona nella ricerca del lavoro. Il PSP viene sottoscritto con l’operatore accreditato o con il Centro per l’Impiego (CPI).
      Nel PSP viene definito:
      – il responsabile delle attività (tutor) e la frequenza con cui la persona dovrà mantenere i contatti con lo stesso;
      – il percorso di politica attiva (anche di carattere formativo o di riqualificazione) a cui la persona si impegna a partecipare (es. Dote Unica Lavoro, Garanzia Giovani, etc.).
      Inoltre con il PSP:
      – la persona si impegna ad accettare congrue offerte di lavoro;
      – vengono previste le sanzioni applicabili in caso di mancata osservanza degli impegni assunti, in assenza di giustificato motivo.

      Il PSP identifica 4 tipologie di percorsi di politica attiva:
      1. percorsi attivati nell’ambito dello strumento regionale di politica attiva denominato”Dote Unica Lavoro POR FSE 2014-2020″ (DUL);
      2. percorsi di politica attiva di natura regionale diversi da DUL, proposti dall’operatore o di iniziativa nazionale (es. Programma Garanzia Giovani per persone al di sotto dei 29 anni);
      3. percorsi di attivazione finalizzati alla ricollocazione. In questa casistica sono ricomprese le iniziative personali dell’interessato ed eventuali iniziative promosse da soggetti diversi che operano sui territori;
      4. collocamento mirato. Quest’ultima casistica deve essere selezionata solo nel caso in cui il percorso di politica è erogato dagli uffici del Collocamento Mirato, direttamente o tramite la rete degli operatori accreditati.

      La durata dei servizi dipende dal tipo di percorso di politica attiva concordato con l’operatore.

      Inviaci pure i tuoi contatti in privato, sarai ricontattata al più presto da uno dei nostri consulenti.
      A presto.

  13. Luca
    27/02/2018 at 8:55 am — Rispondi

    Salve, ho visto che sul sito di regione lombardia sono pubblicati i monitoraggi settimanali della Dote Lavoro http://www.fse.regione.lombardia.it/wps/portal/PROUE/FSE/Bandi/monitoraggi-settimanali. Una curiosità: ma i dati sono complessivi, cioè partono da quando la dote è stata istituita, oppure sono parziali?

    • 27/02/2018 at 3:35 pm — Rispondi

      Buonasera Luca,
      i dati a cui fai riferimento sono dati complessivi, partono da quando è stata istituita Dote Unica Lavoro.
      A presto!

      • Luca
        27/02/2018 at 4:25 pm — Rispondi

        quindi se io guardo l’ultimo dato di gennaio 2018 è complessivo? Scusate ma il documento di regione Lombardia non è molto chiaro, nel senso che non ci sono riferimenti

        • 28/02/2018 at 8:45 am — Rispondi

          Esattamente, il monitoraggio del 29 gennaio 2018 è l’ultimo aggiornamento dei dati complessivi di Dote Unica Lavoro dal suo avvio a questa data.
          Non esitare a chiederci ulteriori informazioni, a presto!

  14. Lalla
    27/03/2018 at 3:03 pm — Rispondi

    Buongiorno, sto facendo diversi colloqui sia in autonomia che tramite un’agenzia. Quest’ultima mi ha chiesto di iscrivermi alla Dote Unica Lavoro e mi chiedo:
    – se poi accetto una proposta di lavoro trovata in autonomia, non tramite questa agenzia, cosa succede? devo comunicare qualcosa all’azienda o è indifferente?
    – quali obblighi avrò rispetto a questa dote lavoro (ad es. corsi obbligatori da frequentare/ accettare determinati lavori)?
    Faccio queste domande poiché arrivo da un ufficio del personale e vedo solo vantaggi per l’agenzia che me l’ha proposta, qualora mi trovassero lavoro loro, ma non per me e vedo buone probabilità di trovare lavoro anche in autonomia visiti i colloqui in essere, quindi attivare questa procedura al momento mi preoccupa solo.
    Potete chiarirmi le idee e consigliarmi per cortesia?
    Grazie infinite,
    Lalla

    • 28/03/2018 at 11:03 am — Rispondi

      Buongiorno Lalla,
      se trova lavoro nel corso della Dote Unica Lavoro è tenuta ad informare l’operatore che l’ha presa in carico.
      Trattandosi di un’iniziativa rivolta a disoccupati, lei è tenuta a comunicare eventuali modifiche nei requisiti di partecipazione alla Dote. Nel momento in cui attiva una Dote Lei si impegna a frequentare le attività previste nel piano di intervento personalizzato. Tuttavia, i servizi previsti andrebbero concordati insieme al destinatario, per cui potrà scegliere le attività che sono maggiormente in linea con le sue esigenze.
      Ci contatti a questo numero 02 48 100 694, potremmo darle ulteriori consigli in merito.
      A presto!

  15. Luca
    02/04/2018 at 8:30 pm — Rispondi

    Salve io ho aperto una dote lavoro 3 giorni fa dovrei iniziare domani e da quanto capito se trovo un lavoro autonomamente non posso andare ? Posso recedere andando al centro dell impiego e non presentandomi al primo giorno di prova del contratto di due settimane e urgente grazie

  16. Corinne
    23/04/2018 at 8:53 pm — Rispondi

    Salve, io ho fatto un percorso con un ente accreditato da Regione Lombardia per usufruire del pil, la dote mi è scaduta il 19 febbraio, tutt oggi non ho ancora ricevuto il contributo economico che mi spetta, mi è stato detto che al momento non hanno soldi da anticipare e di portare pazienza , mi sembra passato un Po di tempo già. .la mia domanda é li riceverò mai quei soldi ? Grazie attendo risposta

    • 07/05/2018 at 7:41 am — Rispondi

      Buongiorno,
      gli operatori che hanno preso in carico soggetti rientranti nella Fascia 3 Plus e pertanto aventi diritto all’erogazione di PIL, si fanno carico di anticipare l’erogazione del medesimo ai destinatari, potendo richiedere successivamente il rimborso a Regione Lombardia.
      In termini di tempistiche, entro 10 giorni di calendario dal termine della Dote o dal momento del raggiungimento della valorizzazione massima del PIL, l’operatore è tenuto a supportare il destinatario nella predisposizione di una attestazione dell’importo di PIL maturato. Entro 20 giorni di calendario dalla data di sottoscrizione dell’attestazione da parte del Destinatario, l’operatore si fa carico di anticipare l’erogazione del PIL.
      La invitiamo a contattarci telefonicamente per maggiori informazioni.
      A presto!

  17. katia
    02/05/2018 at 3:59 pm — Rispondi

    Buongiorno mi chiamo Katia e volevo chiedere quanto segue: io oggi h finito le 120 ore della dote unica lavoro fascia 3plus. Ho anche comunicato che sto facendo una prova lavoro, ( peraltro trovato da sola senza l’aiuto dell’agenzia), e che alla fine di settimana prossima mi hanno già confermato l’assunzione, a questo punto mi sono sentita dire che nella dote unica lavoro 3plus e compreso il tirocinio e quindi di proporre a chi mi assume il tirocinio; poi mi sono anche sentita dire che visto che la dote unica lavoro scade a giugno ( 6 mesi),nel frattempo dovrei fare altri corsi….e vero tutto questo?

    • 07/05/2018 at 7:42 am — Rispondi

      Buongiorno,
      per gli utenti che hanno attivato una Dote in fascia 3plus può essere presente il servizio di avvio e inserimento in tirocinio. È altresì prevista la possibilità di integrare la Dote con corsi di formazione aggiuntivi qualora il Piano originario non prevedesse l’utilizzo integrale delle risorse a disposizione dell’utente. Tuttavia, tutti i servizi inseriti all’interno del Piano d’Intervento Personalizzato andrebbero concordati con il destinatario, inclusi eventuali modifiche ed integrazioni successive all’attivazione della Dote. Le consigliamo di confrontarsi con il suo tutor al fine di individuare le opzioni più idonee alle sue esigenze.
      In bocca al lupo e a presto!

  18. Geroldi Beatrice
    10/05/2018 at 12:26 pm — Rispondi

    Buongiorno, ho 67 anni, sono un’insegnante in pensione, desidero svolgere volontariato competente, per questo sto frequentando un Master di primo livello. L’università ha distribuito un modulo da compilare per poter accedere ai benefici della Dote Lavoro. Avendo barrato l’opzione ‘Inattivo diverso da studente’, nel quadro riservato allo stato occupazionale, mi è stato detto che la mia domanda di partecipazione non può essere inoltrata e che quindi non ho diritto ad alcun beneficio. È corretto?

    • 16/05/2018 at 12:16 pm — Rispondi

      Buongiorno Beatrice,
      la richiesta di dote può essere effettuata solo in caso di destinatario “Occupato”, “Inoccupato” o “Disoccupato”, per cui l’opzione “Inattivo diverso da studente” non rientra nelle condizioni occupazionali ammesse. Le consigliamo comunque di chiedere indicazioni all’ente con cui attiverà la Dote Lavoro.
      A presto!

  19. Giulio
    29/05/2018 at 4:57 pm — Rispondi

    Buongiorno sono Giulio appena ho finito corso per magazziniere.Quanto mi hanno preso in carico mi hanno detto che per momento no erano i soldi disponibile,ho possibilità per riprendere .Sono facia 3 plus grazie.

    • 30/05/2018 at 8:02 am — Rispondi

      Buongiorno Giulio,
      nella giornata di ieri Regione Lombardia ha provveduto a rifinanziare Dote Unica Lavoro, effettuando anche l’aggiornamento della dotazione finanziaria sulla Fascia 3 plus. Le consigliamo pertanto di rivolgersi all’operatore con cui vuole attivare la Dote per verificare la situazione.
      Per maggiori informazioni può contattarci al numero 02 48 100 155.
      A presto,
      FourStars

  20. Daniel
    01/06/2018 at 1:36 pm — Rispondi

    Buongiorno,
    se dovessi iniziare un corso di formazione di magazziniere con patentino muletto con dote unica lavoro, al termine del corso(100 ore) potrei cercarmi un lavoro autonomamente o sarei poi vincolato in qualche modo all’agenzia che mi ha fatto il corso?

    • 04/06/2018 at 8:33 am — Rispondi

      Buongiorno Daniel,
      il fatto di aver attivato il percorso di Dote Unica Lavoro non le impedisce assolutamente di cercare lavoro in autonomia. Al contrario, uno degli obiettivi del percorso è fornire al destinatario gli strumenti giusti per la sua ricerca autonoma del lavoro e l’acquisizione di competenze e capacità per un’efficace promozione nel mondo professionale. Parallelamente alla sua ricerca attiva del lavoro, nel caso in cui sia presente nel piano di intervento personalizzato il servizio di inserimento lavorativo, anche l’agenzia che l’ha presa in carico potrà proporle opportunità lavorative.
      In bocca al lupo e a presto!

  21. Federica Bresciani
    11/10/2018 at 11:33 am — Rispondi

    Salve ho lavorato per una decina di anni nel settore servizio minori come educatrice, poi per motivi di salute ho interrotto il contratto di lavoro. Ora a distanza di anni vorrei riprendere a lavorare ma in un ambiente diverso. Siccome non ho altri titoli di studio o esperienze lavorative, dote unica lavoro può aiutarmi ad inserirmi in un contesto lavorativo diverso? Dove devo fare domanda?

    • 11/10/2018 at 1:59 pm — Rispondi

      Buonasera Federica,
      le consigliamo di contattarci al numero 02 48 100 155 per parlare direttamente con uno dei nostri referenti FourStars esperto in Dote Unica Lavoro.
      A presto,
      FourStars

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *